15 aprile 2018

La Siria non possiede armi chimiche


La Siria è pronta a fornire assistenza illimitata alla missione dell’Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche (Opcw) che arriva nella città di Douma, dopo un presunto attacco chimico contro i civili di sabato scorso, lo ha riferito il rappresentante permanente della Siria all’Onu, Bashar Jaafari.

Inoltre, Damasco non ha armi chimiche tra cui il cloro che è stato presumibilmente utilizzato durante il fine settimana a Douma, ha riferito il rappresentante siriano all’Onu, Bashar Jaafari, durante una riunione del Consiglio di sicurezza.

Jaafari ha aggiunto che la Siria condanna l’uso di armi chimiche ovunque e in qualsiasi circostanza. L’inviato ha osservato che la Siria ha presentato 144 lettere contenenti le informazioni che i gruppi terroristici hanno sostanze chimiche tossiche, che sarebbero state utilizzate per preparare i crimini. Ha aggiunto che i terroristi stanno lavorando con White Helmets per fabbricare le prove e creare sceneggiature drammatiche per influenzare l’opinione pubblica contro il governo della Siria.

Inoltre, Jaafari ha accusato direttamente Washington, Parigi, Londra e i loro alleati di fornire armi ai terroristi e di preparare aggressioni contro il Paese siriano. Sabato scorso, diversi organi di informazione online dell’opposizione siriana hanno riferito che l’esercito siriano ha usato il cloro nella città di Douma e ucciso fino a 70 persone.
I russi negano coinvolgimento di Damasco

Il Centro russo di riconciliazione per la Siria ha categoricamente confutato le relazioni. I rappresentanti del Centro hanno visitato il luogo del presunto attacco e hanno interrogato i medici locali, i quali hanno affermato di non aver ricevuto individui con sintomi di avvelenamento da sostanze chimiche.

di Redazione

Facebook Seguimi