25 febbraio 2018

Rivoluzione Islamica, 39 anni di Resistenza


Trentanove anni sono trascorsi da quando il popolo iraniano, sotto la guida dell’Imam Khomeini, è sceso in piazza a sostenere la Rivoluzione Islamica del 1979.

Il movimento rivoluzionario del 1979 in Iran è sorto quando milioni e milioni di persone hanno gridato la loro opposizione al regime dittatoriale di Mohammad Reza Pahlavi. La Rivoluzione, guidata da Khomeini, ha cambiato le equazioni politiche del mondo. Ogni anno in Iran, le manifestazioni hanno inizio il 1° febbraio e terminano l’11 febbraio, meglio conosciuto come Daheye Fajr o “Dieci giorni di Dawn”, un periodo che celebra l’indipendenza dell’Iran dall’influenza occidentale e dal dominio straniero.

La Rivoluzione Islamica come Ispirazione

La Rivoluzione Islamica in Iran ha rafforzato il nazionalismo nei Paesi della regione, ed ha intensificato il risveglio delle masse guadagnando slancio nella regione. In tutto il mondo arabo si diffuse tra le masse un’immensa ammirazione per la Rivoluzione Islamica. Molti popoli sono stati ispirati dalla Rivoluzione, il cui leader, l’Imam Khomeini, ha sottolineato che l’Islam è l’unico modo per liberare la regione dai disagi e dalle dittature appoggiate dalle potenze occidentali. Molti popoli arabi hanno disprezzato la debolezza dei propri leader e condannato la loro subordinazione agli Stati Uniti.

L’Iran è diventato un modello di ispirazione per le altre nazioni regionali e per i movimenti di lotta contro l’imperialismo e le potenze arroganti. Masse diseredate della regione considerano la Repubblica islamica dell’Iran e la sua leadership un orientamento per tutti i movimenti di Resistenza.

di Redazione

Facebook Seguimi