23 gennaio 2018

SALVINI RACCONTA SALVINI: IL MATTEO-PENSIERO IN 25 PERLE



Matteo Salvini: milanese, classe 1973, due partecipazioni a quiz Tv, un diploma, nessuna laurea, un divorzio, due figli, consigliere comunale, deputato, europarlamentare, segretario della Lega (“Nord” prima – senza “Nord” poi), mai un giorno di lavoro in vita sua (politica a parte).

Chi è davvero Matteo Salvini? Cosa pensa? Quali ideali ispirano i suoi programmi?

Sentiamolo direttamente dalla sua voce.

Ho selezionato 25 significative dichiarazioni rilasciate nel corso degli anni, per ricostruire, sinteticamente e senza filtri, la sua visione, il suo pensiero, i suoi valori.

Perché in vista del 4 marzo, prima di entrare nella cabina elettorale e impugnare la matita, è fondamentale accendere il cervello, lubrificare la memoria e riflettere bene prima di decidere.

Sperando che questo breve elenco possa essere utile:

1) “Io prima che leghista sono bossiano, per Umberto nutro un’autentica venerazione”.

2) “Dieci milioni di lire, perché per me l’euro non esiste”.

3) “Arriverà prima la Padania libera della mia laurea”.

4) “Affondare i barconi è guerra? Partiamo”.

5) “Ho scritto al presidente di Atm perché valuti la possibilità di riservare le prime due vetture di ogni convoglio alle donne … e andando avanti così le cose saremo davvero costretti a chiedere dei posti da assegnare ai milanesi”.

6) “Razza bianca? Espressione infelice, ma mi interessa il principio”.

7) “Il cardinale è lontano dal sentire collettivo, quando si ostina a rappresentare i rom come le vittime del sistema invece che la causa di molti problemi. A Radio Padania hanno chiamato molti ascoltatori cattolici che dicono: “Le guance da porgere sono finite”.”

8) “Mai più schiavi di Berlusconi”.

9) [Rispondendo alla domanda di Mentana «Il tema dei ministeri a Roma può costituire il casus belli?»] “Quanto belli, quanto grandi, quanto splendenti siano i ministeri a Roma onestamente mi interessa molto poco…”

10) “Senti che puzza, scappano anche i cani. Sono arrivati i napoletani…”.

11) “Il matrimonio è fra un uomo e una donna e i figli nascono da un uomo e da una donna. Senza la famigliafondata su una mamma e su un papà la società finisce…”

12) “Capisco chi vuole un nuovo Mussolini“.

13) “L’euro al Sud non se lo meritano. La Lombardia e il Nord l’euro se lo possono permettere. Io a Milano lo voglio, perché qui siamo in Europa. Il Sud invece è come la Grecia e ha bisogno di un’altra moneta. L’euro non se lo può permettere”.

14) “Dodici barconi carichi di immigrati. Lasciamoli a largo”.

15) “Ci siamo rotti i coglioni dei giovani del Mezzogiorno, che vadano a fanculo i giovani del Mezzogiorno! Al Sud non fanno un emerito cazzo dalla mattina alla sera. Al di là di tutto, sono bellissimi paesaggi al Sud, il problema è la gente che ci abita. Sono così, loro ce l’hanno proprio dentro il culto di non fare un cazzo dalla mattina alla sera, mentre noi siamo abituati a lavorare dalla mattina alla sera e ci tira un po’ il culo”.

16) “È assurdo affidare una bimba a due gay. Pare davvero ci sia qualcuno che vuole un mondo alla rovescia”.

17) “La bambola gonfiabile è la sosia della Boldrini. La Boldrini è il nulla fatto donna”.

18) “L’euro è un crimine contro l’umanità. Prima salta l’euro, prima posso riprendere la battaglia per l’indipendenza”.

19) “I poverini non sono quelli di Lampedusa che vengono disinfettati: i poverini sono i cittadini di Lampedusa e di Bergamo che poi vengono derubati da chi viene disinfettato”.

20) “E se un datore di lavoro deve evadere le tasse per sopravvivere non è un evasore ma è un eroe”.

21) “Noi non siamo euroscettici, anzi siamo i più grandi sostenitori dell’Europa, ma questa Ue è da abbattere a bastonate”.

22) “Il fascismo rese grande l’Italia”.

23) “Inutile e chiacchierona, vada a difendere gli africani in Africa, se vuoi difendere i profughi torna al tuo paese. Kyenge fuori dalle palle”.

24) “Per quanto mi riguarda chi compie una violenza sessuale una volta non deve poterla compiere più. Stiamo studiando un progetto di legge sulla castrazione chimica”.

25) “Raderei al suolo e spianerei con una ruspa tutti i campi rom”.

Francesco Giamblanco

Facebook Seguimi