08 gennaio 2018

Da settembre la scuola inizia alle 10. Ecco dove parte la sperimentazione contro l’ansia e per migliorare l’apprendimento


Cominciare la scuola alle 10 del mattino per migliorare l’apprendimento: via alla sperimentazione
di C.M.

La sperimentazione partirà il prossimo settembre e coinvolgerà alcune classi prime dell’Istituto Ettore Majorana di Brindisi. Alcuni studi scientifici sostengono che dormire di più la notte e iniziare le lezioni più tardi permetterebbe agli studenti di aumentare il proprio rendimento scolastico.

Iniziare le lezioni alle 10 del mattino, anziché alle canoniche 8, per aumentare l’apprendimento e il rendimento scolastico degli studenti. L’esperimento è stato lanciato dall’Istituto superiore Ettore Majorana di Brindisi, che ha pensato di modificare l’orario di entrata a scuola per alcune prime classi della scuola.

Dal prossimo settembre, dunque, partirà la sperimentazione che introdurrà le dieci del mattino come orario di entrata a scuola per gli studenti, sperimentazione basata su alcuni studi scientifici e volta ad aumentare le soglie di apprendimento e rendimento scolastico degli studenti.

Il prossimo 23 gennaio, scrive il Corriere della Sera, il professor Luigi De Gennaro, ordinario della Sapienza, sarà ospite della scuola per parlare a studenti e professori dei vantaggi del posticipo dell’orario scolastico.

Alcuni studi infatti dimostrano che dormire di più e più a lungo produrrebbe effetti positivi sulla salute dei ragazzi. Il Centro americano per il controllo delle malattie afferma che gli adolescenti dovrebbero dormire tra le 8,5 e le 9,5 ore per notte e che i ragazzi costretti ad andare a scuola alle 8 del mattino sarebbero più a rischio depressione e ansia.

L’esperimento di Brindisi consentirà di dimostrare ulteriormente quanto entrare alle 9.30 o alle 10 del mattino, rispettando gli orari dei ragazzi e delle ragazze che difficilmente vanno a dormire prima delle undici di sera, possa migliorare le loro performance. “Coinvolgeremo tutti, enti locali e famiglie ma sicuramente da settembre avremo le prime classi con orario di entrata spostato in avanti. Dopo anni di sperimentazione di metodologie didattiche che puntano ad andare incontro alle esigenze degli studenti, il nostro non è un punto di partenza, ma di arrivo”, ha spiegato il preside del Majorana, Salvatore Giuliano.

Fonte: Fanpage

Facebook Seguimi