13 aprile 2017

La micidiale Moab, la bomba sganciata dagli Usa sull'Afghanistan

1 | 4Ansa
2 | 4Ansa
3 | 4Ansa
4 | 4Ansa
1 | AnsaNext


Nord Corea minaccia gli Usa: "Reagiremo"


Cina a Usa: su Corea Nord si cerchi soluzione pacifica


La micidiale Moab, la bomba sganciata dagli Usa sull'Afghanistan


Corea del Nord, Trump: "Stiamo inviando un'armada". Xi Jinping invita al dialogo


Nord Corea minaccia gli Usa: "Reagiremo"


Cina a Usa: su Corea Nord si cerchi soluzione pacifica


La micidiale Moab, la bomba sganciata dagli Usa sull'Afghanistan


Corea del Nord, Trump: "Stiamo inviando un'armada". Xi Jinping invita al dialogo

Afghanistan, gli Usa sganciano contro l'Isis la 'madre di tutte le bombe'

La Moab è l'ordigno non nucleare più potente al mondo e non era mai stata usata sul campo di battaglia

La micidiale Moab, la bomba sganciata dagli Usa sull'Afghanistan

Washington, 13 aprile 2017 - Gli Stati Uniti hanno sganciato una bomba sull'Afghanistan orientale con l'obiettivo di colpire l'Isis. Lo rende noto la Cnn citando fonti militari Usa. La maxi-bomba è stata sganciata su covi dello Stato islamico nella provincia afghana di Nangarhar.

Si tratterebbe di una cosiddetta bomba Moab (la sigla significa 'Massive ordnance air blast', ma è stata ribattezzata mother of all bombs (madre di tutte le bombe): pesa quasi 10 tonnellate e ha la forza di distruggere tutto nel raggio di centinaia di metri. Sarebbe la prima volta che viene utilizzata in combattimento.

SPICER - Gli Stati Uniti "prendono la lotta contro l'Isis molto sul serio", ha sottolineato il portavoce della Casa Bianca, Sean Spicer, confermando il lancio americano della Moab. "Per sconfiggerli dobbiamo negare loro spazio operativo", ha detto Spicer. La "madre di tutte le bombe" è stata sganciata su un sistema di tunnel e caverne, ha precisato Spicer, utilizzate dai terroristi dell'Isis "per muoversi liberamente". Infine il portavoce ha assicurato che "sono state prese tutte le precauzioni per evitare vittime civili e danni collaterali".

IL GOVERNO DI KABUL - Intanto il governo dell'Afghanistan sostiene di aver varato una "nuova strategia" contro i militanti dell'Isis, concentrati nella provincia orientale di Nangarhar, quella bombardata da Moab. Hanif Atmar, consigliere per la Sicurezza nazionale del presidente Ashraf Ghani, ha visitato varie zone di Nangarhar, assicurando che sulla base di specifiche istruzioni del capo dello Stato e di "nuove direttive, l'Isis sarà eliminata da questa provincia".

Da almeno due anni i seguaci del 'Califfo' Abu Bakr al-Baghdadi stanno cercando di installare un loro quartier generale nei distretti di Nangarhar, e nel contempo hanno realizzato numerosi cruenti attentati, compreso quello che ha causato ieri davanti al ministero della Difesa a Kabul, almeno cinque morti e dieci feriti. Oltre ad Atmar, hanno visitato la provincia numerosi alti responsabili dei ministeri della Difesa e dell'Interno, nonché ufficiali della Nato e dell'esercito afghano per esaminare i risultati dell'Operazione 'Hamza' avviata contro l'Isis tempo fa. Al riguardo il generale Muhammad Zaman Waziri ha detto che dall'inizio di essa nei distretti di Achin e Kot sono stati uccisi 326 militanti dell'Isis, fra cui alcuni comandanti.




LA SCHEDA DELLA MOAB - La Moab, sviluppata nella Guerra in Iraq del 2003 ma mai utilizzata, è lunga 9,17 metri e ha un diametro di 1,02 metri. Guidata da un sistema Gps sull'obiettivo, pesa 8,5 tonnellate di esplosivo H-6 ad altissimo potenziale la sua deflagrazione equivale all'esplosione di 11 tonnellate di tritolo. La detonazione avviane poco prima che tocchi il suolo (non è un ordigno penetratore, usato per distruggere bunker in profondità) e ha un effetto distruttivo totale per qualsiasi cosa si trovi sulla superficie per diverse centinaia di metri di diametro dal punto di impatto.

Essendo l'ordigno non nucleare più potente ha prevalentemente un effetto psicologico, teso ad intimorire il nemico. Il suo peso e' tale che non puo' essere sganciato da un normale bombardiere ma sono stati adattati dei C-130 Hercules, ribattezzati MC 130 Combat Talon.


La micidiale bomba Moab, il più potente ordigno non nucleare al mondo (Ansa)
Posta un commento

Facebook Seguimi