08 febbraio 2017

STRAGE PER ANIMALI E AMBIENTE IN INDIA: IL DISASTRO PETROLIFERO DI CUI NESSUNO PARLA (VIDEO)


In India si è verificato un incidente che sta provocando un gravissimo disastro ambientale petrolifero. Almeno 40 tonnellate di petrolio sono finite in mare e stanno facendo strage di tartarughe, pesci e uccelli.

Lo scorso sabato due petroliere si sono scontrate al largo del porto di Ellore, nel Sud dell’India (Tamil Nadu). Un enorme disastro ambientale sta facendo preoccupare le autorità locali per i danni ecologici che sugli animali sono già evidenti.

La notizia giunge fino a noi solo ora perché i media e le fonti ufficiali hanno cercato di minimizzare i fatti, mentre le conseguenze negative del petrolio in mare sono purtroppo reali con dati che parlano di centinaia di tartarughe, pesci e uccelli morti.

Almeno 24 chilometri di costa a Nord di Chennai risultano contaminati dal petrolio. La questione è grave per le popolazioni locali che vivono di pesca o che si nutrono di pesce e al momento non possono acquistarlo.

Le autorità locali, dopo lo scontro tra le due petroliere, hanno cercato di nascondere l’accaduto e soprattuttohanno negato in un comunicato che ci fosse stato uno sversamento di petrolio, ma nelle ore successive la realtà si è rivelata ben diversa.

Alcuni giorni dopo il ministro della Pesca del Tamil Nadu ha dovuto ammettere la verità e confermare la fuoriuscita di petrolio in mare e sulla costa, dato che le chiazze di ‘oro nero’ risultavano ben evidenti.

Dato che gli interventi non sono stati tempestivi, ora le chiazze di petrolio si stanno estendendo sulla costa di Chennai e stanno mettendo in pericolo gli animali marini e l’ecosistema locale.







Ora le autorità locali saranno costrette a intervenire per ripulire il disastro ma purtroppo gran parte dei danni si sono già manifestati. Le guardie costiere e i pescatori sono già al lavoro per cercare di migliorare la situazione.

Questo video mostra cosa sta accadendo a Chennai e come sono ridotte le coste indiane dopo lo sversamento di petrolio.



La speranza è che presto si riesca ad intervenire per arginare la situazione, ma purtroppo, ancora una volta, il danno è stato fatto e molto probabilmente, almeno secondo quanto affermato dalla stampa locale, lo scontro tra le petroliere è avvenuto per incuria.

Chi pagherà questa volta per i danni causati agli ecosistemi?
AGGIORNAMENTO DEL 6/02/2017
LA FUORIUSCITA E’ STATA ARRESTATA. E’ STATO UN ERRORE UMANO

Finalmente iniziano ad arrivare le prime dichiarazioni ufficiali di un disastro ambientale per troppi giorni taciuto. Descrivendo la recente collisione di due navi al largo della costa di Chennai come uno sfortunato incidente causato da “errore umano”, il ministro della pesca D. Jayakumar oggi ha spiegato che sono stati messi in opera tutti gli sforzi possibili per rimuovere la chiazza di petrolio. Il ministro ha anche aggiunto che la fuoriuscita di petrolio dalla nave danneggiata è stata arrestata.

“Si tratta di uno sfortunato incidente causato da un errore umano. Il governo sta facendo tutti gli sforzi per rimuovere la marea nera dal mare – ha detto ai giornalisti – la perdita dalla nave è stata completamente arrestata”.

Marta Albè

Fonte: GreenMe
Posta un commento

Facebook Seguimi