09 febbraio 2017

Il senatore MCCain senza vergogna: saranno gli USA a decidere se la UE potrà togliere le sanzioni contro la Russia


Il senatore repubblicano, membro del Congresso, assicura che numerosi paesi europei “stanno cercando in questo momento una via d’uscita “, in riferimento alla possibilità di togliere le sanzioni contro Mosca, che discuteranno nella conferenza di Monaco.
Nel corso di una intervista all’agenzia Sputnik, il senatore repubblicano McCain ha assicurato che gli Stati Uniti decideranno il momento in cui l’Unione Europea potrà levare le sanzioni economiche contro la Russia, nonostante che questa misura sia costata perdite miliardarie al blocco comunitario.

“Ovviamente c’è molto dibattito tra gli europei per abolire le sanzioni. Molti paesi (della UE) stanno cercando una via d’uscita”, ha detto McCain. “Da mesi, in molti paesi, soprattutto in Germania, si nota una enorme pressione per l’annullamento delle sanzioni”, ha aggiunto.

Tuttavia, “la decisione finale dei paesi europei su questo tema dipende in qualche misura dal governo degli Stati Uniti”, ha detto il senatore repubblicano, aggiungendo che gli Stati membri dell’UE intendono discutere la revoca delle sanzioni contro la Russia alla Conferenza internazionale sulla Sicurezza di Monaco di Baviera che si svolgerà la prossima settimana.

“Questo non è ufficialmente un tema ammesso nelle trattative dichiarate della conferenza, ma ci saranno molte discussioni tra i rappresentanti europei”, ha detto McCain.

Dal mese di luglio 2014, l’Unione europea e gli Stati Uniti hanno imposto sanzioni contro la Russia come effetto della situazione in Ucraina, sanzioni che sono state ampliate ed estese in diverse occasioni. Nel mese di Agosto dello stesso anno, la Russia ha introdotto, in risposta, un pacchetto di sanzioni, tra cui un embargo sui prodotti alimentari che provengono dai paesi “sanzionatori”.


Nello stesso tempo, varie nazioni europee non sono soddisfatte delle misure adottate nei confronti di Mosca e delle contromisure russe che hanno provocato perdite di miliardi di euro nel commercio con la Russia. Nel mese di Gennaio, il ministro delle Finanze francese ha ammesso che Parigi lavorerà in modo che le sanzioni possano essere revocate per la prossima estate.

In modo analogo, i rappresentanti della Camera di Commercio tedesco-russa AHK sono convinti che le sanzioni contro la Russia dovrebbero essere riviste, perché “non si nota l’effetto politico di queste misure e queste danneggiano seriamente l’industria tedesca”.
Anche l’Italia lo scorso dicembre ha ritardato la decisione dell’UE di estendere le sanzioni economiche, chiedendo che il blocco europeo discutesse di tali misure.

Il vicepresidente Joe Biden, ha ammesso in passato che il governo degli Stati Uniti ha forzato l’Unione europea ad imporre sanzioni contro la Russia, nonostante il rischio di danni economici.

Nota: Queste dichiarazioni del Senatore McCain e quelle di Joe Biden, dimostrano (meglio di qualsiasi altro documento) da chi sia diretta concretamete la politica estera dei paesi europei ed a quali ricatti Washington sottoponga i governi che si dimostrano recalcitranti ad obbedire alle direttive degli USA. Questo spiega la perdita di prestigio ed il processo di inevitabile declino che subiscono i paesi europei nel contesto internazionale.


Traduzione e nota: Luciano Lago per Controinformazione
Posta un commento

Facebook Seguimi