20 dicembre 2016

Yemen, il genocidio e la vetrina Usa


- di Sebastiano Lo Monaco per Il Faro Sul Mondo

La decisione dell’Arabia Saudita di iniziare una guerra contro il vicino Yemen, ha come pretesto quello di eliminare il movimento di Resistenza Ansarullah. Questa decisione arriva dopo che “mamma” Washington ha dato il suo benestare. La realtà, nel mondo arabo, è che nessuno possiede volontà indipendente nei confronti delle decisioni americane. La maggior parte degli Stati arabi, senza la coordinazione con Washington non hanno la capacità di cambiare una virgola sulla mappa politica.

Gli Stati Uniti stanno per costruire una base militare permanente, nella provincia meridionale di Lahij. Ciò significa che gli Usa cercano il pieno controllo del Golfo di Aden e dello stretto di Bab el-Mandeb. Questa è una zona strategica in quanto collegamento tra il mare di Oman ed il Mar Rosso. Se gli Stati Uniti riusciranno nel loro intento, oltre ad avere un netto dominio sulle attività marine e le annesse rotte marittime, possono aumentare il controllo e la sicurezza delle coste israeliane. Ecco una delle motivazioni principali.

La destabilizzazione dello Yemen è guidata da una mano americana che si muove alla ricerca di riserve petrolifere. Ci sono voci che danno le risorse yemenite vicine alla fine, ma un rapporto di Sky News riporta che lo Yemen ed in particolar modo le province di Al Jafw e Marib, ospitano ancora ricche riserve di petrolio.
Risultato di tutto ciò è che se Riyadh e Washington riuscissero a controllare lo Yemen, essi saranno in grado di mettere mano su un’arteria petrolifera che è considerata tra le più importanti al mondo.

In questo modo, lo Yemen ha assunto un ruolo “privilegiato” nell’orizzonte americano. Il governo Usa, però, non ha fatto i conti con la Resistenza di Ansarullah ed il sostegno popolare che si è mobilitato dinanzi alle ingerenze di Washington, rendendo i piani iniziali americani un bel po’ più difficili del previsto. Gli sviluppi che si sono avuti negli ultimi 20 mesi, dimostrano che Washington non intende condividere il prezzo della guerra con l’Arabia Saudita. Ciò si è capito quando, gli Usa, hanno evitato di fare pressione alle Nazioni Unite sulla Black List Araba Saudita che vedeva lo Stato alleato come violatore dei diritti dei bambini, facendo ciò si cercava di tenere le Nazioni Unite fuori dall’azione che avrebbero potuto intraprendere.

Riyadh è il miglior alleato arabo nella strategia statunitense di spostamento in Asia orientale. Gli Stati Uniti continuano a non prendere posizione e non attuano nessuna politica stabile neanche nello Yemen. Gli Usa cercano di rimanere in silenzio sulle misure intraprese dai sauditi, ed appare evidente che vogliano ridurre al minimo la loro presenza nei Paesi arabi del Golfo Persico.
Rimane il fatto che le prese di posizione degli Stati Uniti sulla guerra nello Yemen sono molto volubili e volatili, in quanto sono dipendenti dallo sviluppo delle battaglie che verranno.

Posta un commento

Facebook Seguimi