28 aprile 2016

Siria, bombardato ospedale Msf: muore uno degli ultimi pediatri di Aleppo


ALMENO 14 MORTI TRA PAZIENTI E MEDICI E UN BILANCIO DESTINATO A SALIRE NELLA DISTRUZIONE DELL’OSPEDALE DI AL QUDS DI MEDICI SENZA FRONTIERA, AVVENUTA IERI SERA, IN CUI HANNO PERSO LA VITA MEDICI E PAZIENTI. “E’ TUTTO DISTRUTTO. GLI OSPEDALI NON SONO BERSAGLI”.

“Un ospedale supportato da MSF ad Aleppo è stato bombardato e distrutto ieri sera. Almeno 14 persone tra pazienti e staff sono rimaste uccise e ci aspettiamo che il bilancio salirà”. E’ quanto si legge in una nota dell’associazione umanitaria. “Tra le vittime 3 medici di cui uno degli ultimi pediatri rimasti ad Aleppo. Msf condanna la distruzione dell’ospedale di Al Quds, ben noto a livello locale, che priverà molte persone di cure mediche fondamentali”. Alla fine del 2015, un altro ospedale supportato da Msf, quello di Homs, aveva subito un doppio bombardamento. L’attacco causò 7 morti, la parziale distruzione dell’ospedale e 47 pazienti feriti.

Su twitter l’associazione scrive: “Nell’ospedale ad Aleppo c’erano pronto soccorso, ambulatorio, terapia intensiva e sala operatoria. Ora è tutto distrutto”. “Gli ospedali non sono bersagli”.

In cinque anni di conflitto in Siria i morti sarebbero 400mila, stime molto più alte di quelle fornite dalle Nazioni Unite che hanno parlato di una forbice compresa tra le 250mila e le 300mila vittime», ha affermato l’inviato delle Nazioni Unite per la Siria Staffan de Mistura in un’intervista alla tv svizzera, stando a quanto riporta la Bbc online.

Riferimenti:


Posta un commento

Facebook Seguimi