16 aprile 2016

Insegnante transessuale a Prato mette in scena balletto hot (Video)


Il video inizia ad essere virale tra gli studenti di Prato. Un professore transgender dell’Istituto superiore Gramsci Keynes di Prato ha dato spettacolo in classe durante la ricreazione, dando vita ad un balletto “provocante” con tanto di alzata della maglietta. Per fortuna ha avuto almeno il buongusto di tenersi il reggiseno.

– di Redazione –

È accaduto lo scorso venerdì mattina, in un’aula dell’istituto superiore pratese Gramsci/Keynes: una professoressa ha messo in scena un balletto tirando su più volte ma maglietta e facendo vedere il seno coperto dal solo intimo.

L’associazione locale che rivendica anche la priorità educativa delle famiglie, Generazione Famiglia Prato, ha preso immediatamente posizione in merito al video in diffusione da sabato, ove è ripreso l’accaduto .

“L’educazione dei nostri figli passa anche per l’esempio autorevole dei loro insegnanti. Che credibilità può avere un’istruzione dove si verificano episodi del genere?”

Alcune voci riterrebbero l’insegnante una persona transgender.

“La vicenda sarebbe grave a prescindere, – continua la nota- ma lo è tanto di più perché si è verificata nella stessa scuola, il Gramsci/Keynes, che già sul tema ci aveva fatto sollevare più di una preoccupazione.

A febbraio infatti avevamo richiesto un incontro chiarificatore alla preside, dopo la denuncia di varie associazioni circa il diffondersi nella scuola di propaganda genderista o queer theory, come la si voglia chiamare, mascherata dietro progetti di lotta al bullismo. Il tutto senza dovuto avviso alle famiglie.

In quell’occasione la preside ci chiuse le porte in faccia, negandoci ogni spiegazione. Speriamo che stavolta, vista la gravità, non faccia altrettanto”.

La domanda che sorge spontanea innanzi a questo avvenimento è:

i genitori cosa ne pensano? Si sono mossi in merito?

Oppure, sempre più occupati da “altro”, si sono dimenticati del loro ruolo principale come educatori dei proprio figli?

Ieri sera la preside della scuola , Grazia Maria Tempesti, pubblica un meme di Papa Francesco: “I genitori non rimproverimo gli insegnanti, ma i figli”

Inevitabile la reazione dell’associazione pro family:


“Signora preside, ci spieghi:

un genitore non ha diritto di riprendere un docente che esce fuori dai binari dell’insegnamento e dal compito che è tenuto a svolgere?

Un genitore dovrebbe restare fuori da ciò che avviene all’interno della scuola, da come viene istruito ed educato il proprio figlio?

Le ricordiamo la priorità educativa della famiglia sancita da costituzione e Dichiarazione Universale dei Diritti Umani.

Le ricordiamo che le parole del Papa sono riferite a quei genitori che non accettano che il figlio venga ripreso in alcun modo e che anzichè aiutarlo nella crescita, lo deresponsabilizzano.

Diverso è un comportamento da sanzionare come quello del fatto in questione.”


Posta un commento

Facebook Seguimi