22 aprile 2016

Il MUOStro USA che sta distruggendo il sud Italia


Da alcune settimane il sud Italia è sottoposto ad un’incessante tempesta di onde elettromagnetiche con conseguenze per la popolazione, che però nessuno ha il coraggio o l’interesse di analizzare. La colpa è del MUOS di Niscemi, il sistema di comunicazione satellitare installato dall’esercito USA.

A pochi giorni dal 30° anniversario della catastrofe di Chernobyl, Sputnik Italia accende l’attenzione sul tema dell’inquinamento radioattivo.

Come scrive il lettore Giuliano Cazzaro di Varese, nella discussione seguente all’articolo “Gli aerei spia della Russia hanno colto di sorpresa gli USA” è stato sollevato il problema delle radiazioni elettromagnetiche sprigionata dal MUOS di Niscemi, in Sicilia.

06:58 21.04.2016 Belli Corrado

Intanto son tre settimane che nel sud Mediterraneo siamo sottoposti a una tempesta di onde Elettromagnetiche che bloccano tutto e fanno danno alla popolazione, specialmente ai bambini, il Muos di Niscemi è l’arma che stà distruggendo tutto il Sud e questo grazie alla Tecnologia made in USA, sarebbe opportuno che il governo Russo faccia alcuni voli di ricognizione da queste parti e pubblicare i dati con la relativa pericolosità che ne deriva dal Muos.

Dal 9 all’11 marzo scorsi l’impianto MUOS di Niscemi su ordinanza della procura di Caltagirone è stato acceso per effettuare delle rilevazioni sulla pericolosità delle onde emesse dalle parabole e dai radar dell’impianto.

Il 1° aprile 2015 su disposizione della Procura della Repubblica di Caltagirone l’impianto del MUOS di Niscemi era stato messo sottosequestro. Sequestro poi confermato dalla Corte di Cassazione.

Di seguito vi proponiamo un’articolo tratto dal blog di Antonio Mazzeo, che nel 2012 consultò uno studio del Politecnico di Torino che metteva in guardia dalla pericolosità dell’opera e dai rischi per la saluta dei cittadini e dell’ecosistema della zona interessata dalle emissioni:

S.O.S. per Niscemi, pericolo MUOS.

Il nuovo sistema di comunicazioni satellitari dei militari usa, può fare ammalare, può causare interferenze nella strumentazione aerea e può, persino, fare scoppiare, se poco distanti, bombe e ordigni bellici. Un grido d’allarme che lanciano in tanti ormai. L’ultima denuncia, particolarmente circostanziata, viene dal Politecnico di Torino.

“La stazione di telecomunicazioni MUOS (Mobile User Objective System) prevista a Niscemi, comporta gravi rischi per la popolazione e per l’ambiente, tali da impedirne la realizzazione in aree densamente popolate, come quella adiacente la cittadina di Niscemi”. Firmatari dell’allarmante rapporto sono due studiosi con curricula di tutto rispetto: Massimo Zucchetti, professore ordinario di Impianti Nucleari del Politecnico di Torino e research affiliate del Massachusetts Institute of Technology (USA) e Massimo Coraddu, consulente esterno del dipartimento di Energetica del Politecnico ed ex ricercatore dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN). I due hanno, nei giorni scorsi, consegnato un report al sindaco di Niscemi Giovanni di Martino che, a sua volta, lo ha “girato” al governatore Lombardo, accompagnandolo con la richiesta di sospendere l’autorizzazione all’impianto.

La Regione siciliana aveva autorizzato i lavori il primo giugno scorso, basandosi su uno studio della facoltà di ingegneria dell’Università di Palermo. Secondo il Politecnico di Torino, i docenti siciliani e anche gli esperti nominati dalle forze armate statunitensi hanno sottovalutato o, addirittura, ignorato i rischi e i danni derivanti dall’istallazione”.

“Si tratta di effetti acuti, legati a esposizioni brevi, a campi di elevata intensità; e di effetti dovuti a esposizioni prolungate a campi di intensità inferiore”, spiegano Zucchetti e Coraddu. “I primi sono essenzialmente legati all’esposizione diretta al fascio principale emesso dalle parabole MUOS, che può avvenire in seguito a un malfunzionamento o a un errore di puntamento. Ciò può provocare danni gravi e permanenti alle persone accidentalmente esposte a distanze inferiori ai 20 Km., e ciò significa che l’eventualità di una esposizione diretta al fascio riguarda l’intera popolazione di Niscemi e va considerata come il peggiore incidente possibile”.

Emissioni che si aggiungerebbero a quelle che già l’abitato di Niscemi deve sopportare, visto che è investito dalle emissioni prodotte dalla stazioneNaval Radio Transmitter Facility (NRTF), “in una misura superiore ai limiti di sicurezza previsti dalla legislazione italiana”. Le emissioni, inoltre, finora non sarebbero state correttamente monitorate dall’agenzia Arpa Sicilia, sfornita di macchinari sensibili e in possesso di dati parziali o inesistenti. E di conseguenza, le rilevazioni, non sarebbero conformi alle procedure di legge.

Ma ecco quali sono i pericoli reali per la salute:

“L’entrata in funzione dei trasmettitori del MUOS —affermano Zucchetti e Coraddu- avrà come conseguenza un incremento del rischio di contrarre vari tipi di disturbi e malattie, tra cui alcuni tumori del sistema emolinfatico, come evidenziato in numerosi studi epidemiologici”. C’è poi, “l’ipertermia con conseguente necrosi dei tessuti e l’organo più esposto è l’occhio (catarattaindotta da esposizione a radiofrequenze o a microonde). Le persone irraggiate accidentalmente potrebbero subire danni gravi e irreversibili anche per brevi esposizioni”.

La stazione del sistema satellitare, progettata all’interno di un’area protetta, danneggerebbe, infine la fauna, gli uccelli, fino ad ucciderli; altri esseri viventi come le api non potrebbero più sciamare e costruire le arnie, con ripercussioni a catena sulla flora e sull’intera catena alimentare. Altro che istallare nuove sorgenti di campi elettromagnetici —dicono i due studiosi del Politecnico- a Niscemi bisogna ridurre drasticamente quelle già esistenti, come previsto dalle leggi italiane.

Ma i danni alla salute non sono gli unici ad essere prodotti dal Muos. Zucchetti e Coraddu ne sono certi: le microonde prodotte interdiranno l’uso dello spazio aereo siciliano. Le interferenze elettromagnetiche sarebbero incompatibili con il regolare traffico aereo in buona parte della Sicilia orientale, Comiso, Sigonella e Fontanarossa (questi ultimi due per giunta set privilegiati per le guerre spaziali dei velivoli senza pilota UAV “Global Hawk”, “Predator” e “Reaper). Vulnerabili anche dispositivi elettronici come gli apparecchi elettromedicali, pacemaker, defibrillatori, apparecchi acustici e, naturalmente, la strumentazione di bordo per il pilotaggio. Ma non basta. “Le interferenze generate dalle antenne del MUOS possono arrivare a innescare accidentalmente gli ordigni trasportati”, affermano. Gli stessi americani temendo che le fortissime emissioni elettromagnetiche del MUOS potessero avviare la detonazione degli ordigni di Sigonella, spostarono le loro attenzioni su Niscemi.

E poi, in volo, ci fanno spegnere i cellulari!

Posta un commento

Facebook Seguimi