17 aprile 2016

Con la presunzione di esportare la Democrazia l’abbiam persa noi

Con la presunzione di esportare la Democrazia l’abbiam persa noi

Eccoci nel nuovo millennio, crisi, ingiustizie, guerre, povertà…

Noi occidentali con la scusa della democrazia abbiamo portato violenza e fame ad altri popoli..con la scusa…in realtà si è trattato solo di geopolitica, troppi interessi per non provare a metterci le mani sopra, questa è la prima realtà, la seconda è che “qualcuno” ha spinto per entrare in questi conflitti. Oggi arriva il prezzo da pagare, il popolo viene tenuto alle strette perché oltre ai vari problemi che comportano una crisi economica c’è da dire che la “guerra” ha un costo non proprio indifferente. A calcolare le risorse economiche dissipate da conflitti, omicidi, stragi, ci ha pensato l’Institute for Economics and Peace (Iep) con un dettagliato rapporto, il Global Peace Index 2015. Ebbene, le violenze nel mondo sono costate nel 2014 l’abnorme cifra di 14,3 trilioni di dollari (14,3 migliaia di miliardi), vale a dire il 13,4% del Pil mondiale. L’equivalente delle economie di Brasile, Canada, Francia, Spagna e Regno Unito, naturalmente messe insieme.


Purtroppo non si tratta solo di un problema economico, oltre alla violazione dei diritti umani in quei territori, noi stessi, inteso come popolo occidentale, anche se non siamo sottoposti alla “battaglia” giorno dopo giorno vediamo la nostra libertà diminuire. Quale democrazia può esportare un popolo dove a dettare leggi sono banche e multinazionali? La “democrazia” e la “libertà”, belle scuse per nascondere la realtà dei fatti, infatti dove sono finite queste ideologie oggi che il mondo innalza recinzioni di filo spinato su ogni confine? Condannando quelle stesse persone che si volevan “aiutare”? Quelle persone avevano una casa, un lavoro e anche un futuro nella loro terra prima delle nostre bombe.

La verità è che tutti ci hanno rimesso da questi conflitti, noi…loro…dietro tutto questo si nasconde qualcosa di più grosso, un piano ben congegnato, un Nuovo Ordine Mondiale.

Posta un commento

Facebook Seguimi