14 marzo 2016

Lo Zimbabwe annuncia la nazionalizzazione di tutte le miniere di diamanti


- di Andrea Tabacchini -

Lo Zimbabwe nazionalizzerà tutte le miniere di diamanti presenti sul suo territorio. Lo ha annunciato lo scorso 4 marzo il presidente Robert Mugabe, durante un’intervista rilasciata alla ZBC, la televisione di Stato.

Lo scopo principale di questa azione del governo, come riferito dallo stesso Mugabe, è quello di impedire la compravendita e il trafugamento di pietre preziose da parte di industrie straniere o gruppi esteri. Il mese scorso, per motivi analoghi, il ministro Walter Chidhakwa aveva provveduto al sequestro e alla chiusura di un’importante miniera nel distretto di Chiadzwa e, già nel 2015, a tutte le zone diamantifere era stata imposta l’adesione a una conglomerata pubblica e gestita dal governo di Harare.

Questa imposizione non ha nemmeno risparmiato le miniere sul confine con il Mozambico e gestite in collaborazione con la Cina. Mugabe ha riferito alla ZBC che “abbiamo deciso di monopolizzare questo settore e di assegnare solo allo Stato l’attività mineraria”.

Il presidente dello Zimbabwe ha poi criticato pubblicamente le compagnie diamantifere occidentali, affermando che “il nostro popolo non è stato in grado di vedere quello che stava accadendo, attraverso i furti e il contrabbando perpetrati dalle compagnie minerarie che ci hanno derubato della nostra ricchezza”.

Si tratterebbe quindi di un chiaro passo verso l’indipendenza economica quello fatto in queste ore dallo Stato africano, e uno schiaffo in faccia alle compagnie e alle imprese occidentali che hanno lucrato per decenni sul commercio dei diamanti.

Quella relativa alle miniere di pietre preziose resta tuttavia una questione difficile e spinosa per lo Zimbabwe, che ha visto la sua produzione di diamanti calare drasticamente negli ultimi anni, e questo nonostante le numerose licenze minerarie distribuite negli anni scorsi a diverse compagnie cinesi e sudafricane, che potrebbero non gradire la nuova decisione presa da Mugabe.

Posta un commento

Facebook Seguimi