28 febbraio 2016

Lo schiavismo moderno Enzo " Vincenzo Sciarra “



Proibizione di schiavitù e servitù Nessun individuo potrà essere tenuto in stato di schiavitù o di servitù; la schiavitù e la tratta degli schiavi saranno proibite sotto qualsiasi forma.
(Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo, 1948, articolo 4).



Lo schiavismo moderno.
È così che la massa degli uomini serve lo Stato, non come uomini coraggiosi ma come macchine, con il loro corpo. Sono l'esercito permanente, la milizia volontaria, i secondini, i poliziotti, il posse comitatus ecc. Nella maggioranza dei casi non c'è nessun libero esercizio del giudizio e del senso morale, sono al livello del legno, della terra, delle pietre. Suppongo che se facessimo degli uomini di legno sarebbero altrettanto utili. È un tipo d'uomo che non richiede maggior rispetto che se fosse fatto di paglia o di un impacco di sterco. Ha lo stesso valore dei cani e dei cavalli. E tuttavia, normalmente, quegli uomini sono considerati buoni cittadini. Altri, come la maggioranza dei legislatori, dei politicanti, degli avvocati, dei preti e dei tenutari di cariche, servono lo Stato soprattutto in base a ragionamenti astratti; e poiché fanno assai di rado distinzioni morali, hanno la stessa probabilità di servire Dio che, senza volerlo, di servire il diavolo. I poteri finanziari sono loro i padroni della politica sono loro che amministrano il nel mondo. Se mille uomini non pagassero quest'anno le tasse, ciò non sarebbe una misura tanto violenta e sanguinaria quanto lo sarebbe pagarle. Rispettare le leggi quando esse vanno contro la coscienza e i diritti dell'uomo? NO!!! Il diritto di resistenza è accolto dalla nostra, Costituzione. Ci autorizza lecitamente, a combattere contro chi ci governa male. Per me la “vittoria” è cosa si ottiene, non chi lo ottiene per farsi i suoi interessi e dei loro padroni.

Enzo Vincenzo Sciarra
Posta un commento

Facebook Seguimi