29 gennaio 2016

Quella bufala sui 600 posti di lavoro Apple a Napoli

Quella bufala sui 600 posti di lavoro Apple a Napoli

”L’ultima balla di Pina Picierno, l’eurodeputata piddina collega dell’euroindagato Caputo, riguarda 600 posti di lavoro a Napoli presso la Apple creati grazie al governo del Bomba. Ha scritto su Facebook: ‘Apple portera’ a Napoli il primo centro di sviluppo app d’Europa e, di conseguenza, 600 nuovi posti di lavoro. Stiamo dando la migliore risposta possibile a quelli che dicevano che Renzi aveva dimenticato il Mezzogiorno’. Una bufala, in linea con la propaganda piddina di dire sempre il contrario della verita”’.
Lo scrive sul suo blog Beppe Grillo. ”Apple infatti- prosegue Grillo- non assumera’ nessuno: ‘Le 600 persone sono il numero di studenti che il centro puo’ formare in un anno. Non si tratta di un centro costruito da Apple, ma la sponsorizzazione di corsi in un istituto partner. Le prime indiscrezioni, inoltre, vogliono che l’Universita’ Federico II sia questo partner.
È probabile che l’universita’ utilizzi docenti che ha gia’ nel suo organico per gestirli, o al massimo ne assumera’ qualcun altro. Inoltre i corsi saranno a pagamento, come quelli universitari, quindi i 600 studenti dovranno ovviamente pagare”’. Insomma, attacca il leader M5s, ”un corso a pagamento diventa 600 posti di lavoro per la propaganda piddina, ancora piu’ vergognosa del solito”.
Fonte: Il Nord
Posta un commento

Facebook Seguimi