02 gennaio 2016

L’uomo diventa sempre più furbo e più debole



L’Italiano ha un tale culto per la furbizia, che arriva persino all’ammirazione di chi se ne serve a suo danno. Il furbo è in alto in Italia non soltanto per la propria furbizia, ma per la reverenza che l’italiano in generale ha della furbizia stessa, alla quale principalmente fa appello per la riscossa e per la vendetta. Nella famiglia, nella scuola, nelle carriere, l’esempio e la dottrina corrente che non si trova nei libri insegnano i sistemi della furbizia. La vittima si lamenta della furbizia che l’ha colpita, ma in cuor suo si ripromette di imparare la lezione per un’altra occasione.

Sapete chi era Bertoldo? Un personaggio letterario del Cinquecento: il contadino che s’atteggiava a difensore dell’esperienza contro l’istruzione, dell’improvvisazione contro la preparazione. È l’archetipo dell’italiano che s’arrangia; rappresenta l’orgoglio della furbizia impunita, ed è ancora tra noi. Qualche volta si fa chiamare assessore o diventa direttore di qualcosa; quasi sempre porta la giacca e guida una bella automobile. Cambia regione, lavoro, partito: non cambia abitudini. È affascinante e tragico, come tante maschere italiane.

Quanta ipocrisia! Magari non se ne rendono neanche conto, o magari fingono. Si credo che sono in molti a fingere! Fingere di essere onesto, puri e duri, "fanno i froci con il culo degli altri". Con l’eliminazione del diritto del più forte si è introdotto il diritto del più furbo. Fanno più quello gli conviene.... invece di quello che è giusto. Educano i figli ad essere, furbi.non onesti. La furbizia..... la prostituzione dell’intelligenza.....

Il motivo per cui stupidi e furfanti se la cavano meglio al mondo di uomini più saggi e onesti è che sono più vicini al carattere generale dell’umanità, che è null’altro che un insieme di inganno e stupidità.

Si può essere più furbo di un altro, ma non più furbo di tutti gli altri.

I furbi ci fottono sempre al momento giusto, nel posto giusto, col sorriso giusto. Camminano con sprezzo anche sopra la loro merda.

Niente provoca più danno in uno Stato del fatto che i furbi passino per saggi. Certa gente non si rende conto che potrà credersi furba proporzionalmente a quanto tu sarai disposto a fare il fesso.

È più facile che sia furbo un cretino che un intelligente.

Il furbo è sempre in un posto che si è meritato non per le sue capacità, ma per la sua abilità a fingere di averle.

L’Italia va avanti perché ci sono i fessi. I fessi lavorano, pagano, crepano. Chi fa la figura di mandare avanti l’Italia sono i furbi, che non fanno nulla, spendono e se la godono.

Concludo:

L’uomo diventa sempre più furbo e più debole. Anzi si capisce che la sua furbizia cresce in proporzione della sua debolezza.




Enzo Vincenzo Sciarra
Posta un commento

Facebook Seguimi