25 gennaio 2016

LEONARDO DI CAPRIO ATTACCA LE MULTINAZIONALI DELLE FOSSILI: ‘LASCIATE PETROLIO, CARBONE E GAS SOTTOTERRA’

LEONARDO DI CAPRIO ATTACCA LE MULTINAZIONALI DELLE FOSSILI: ‘LASCIATE PETROLIO, CARBONE E GAS SOTTOTERRA’

Dopo aver dedicato il Golden Globe alle popolazioni indigene, Leonardo Di Caprio è tornato a fare parlare di se. A Davos, in Svizzera, durante il Forum Mondiale dell’Economia l’attore americano, da tempo impegnato sul fronte della tutela dell’ambiente, ha lanciato un’invettiva contro le multinazionali delle fossili, invitandole a lasciare sottoterra petrolio, carbone e gas.
Di Caprio non finirà mai di stupirci. Donazioni milionarie, campagne per la difesa degli animali in via d’estinzione non bastano all’attore, che non perde occasione per puntare il dito contro chi, in barba alle questioni ambientali, pensa solo ad arricchirsi.
“Non possiamo permettere che l’avidità delle industrie delcarbone, del petrolioe del gas possa determinare il futuro dell’umanità”, ha detto sul palco di Davos, dove ha denunciato senza giri di parole le società che privilegiano i profitti sull’ambiente.
Ma non solo. Ha puntato il dito non solo contro le multinazionali ma anche contro i governi che hanno chiuso un occhio per non pestare i piedi ai colossi dell’energia a livello mondiale:
“Gli enti che hanno un interesse finanziario nel preservare questo sistema distruttivo hanno negato e anche coperto l’evidenza del nostro clima che cambia”.
Secondo l’attore, il nostro pianeta non può essere salvato se non lasciamo i combustibili fossili alla terra a cui appartengono.
“Vent’anni fa, abbiamo descritto il problema come una dipendenza. Oggi possediamo i mezzi per porre fine a tutto questo” ha detto.
L’attore durante il suo discorso ha annunciato che la suafondazione donerà 15 milioni di dollari destinati a finanziamenti per sostenere progetti disostenibilità in tutto il mondo. I cinque progetti si impegnano a controllare la pesca commerciale, proteggere la foresta pluviale indonesiana, sostenere le popolazioni indigene in Ecuador, proteggere le barriere alle Seychelles e promuovere le energie rinnovabili negli Stati Uniti.
Francesca Mancuso

Fonte: GreenMe
Posta un commento

Facebook Seguimi