02 gennaio 2016

Le armi di distrazione di massa



Le armi di distrazione di massa sono una categoria di strumenti mediatici utilizzati dai potenti per distrarci dai problemi reali. Fin da bambini siamo stati vittime di questa pratica barbara, che serviva a distogliere la nostra attenzione da ciò che accadeva intorno.

Ecco un tipico esempio: hai 5 anni e i tuoi genitori ti avevano promesso che ti avrebbero portato a Gardaland. E invece oggi c'è lo sciopero dei pupazzi e Gardaland è chiuso.

Come fanno i tuoi genitori a farti dimenticare la grande delusione e a farti smettere di piagnucolare? Ti comprano un bel gelato o un giocattolo, in modo da allontanare la tua attenzione dal vero obiettivo.
Questo stratagemma ha come vittima solo un innocente bambino. 

Ma cosa succede quando la vittima è un'intera popolazione?
La strategia della distrazione.
Da sempre i governi hanno cercato di tenere occupata la mente pensante dei cittadini con cagate varie: dalla televisione allo sport, dal sesso alla religione. 
Elencherò di seguito le tecniche di distrazione di massa più utilizzate, andando a valutare i vantaggi, gli svantaggi e i casi in cui conviene utilizzarle.

Comincio con le distrazioni che colpiscono un limitato gruppo di persone.
Tecnica dell'invito della persona famosa o dell'evento, esempio: 
Paolo Meneguzzi.... può essere una buona idea....: costa poco e non è un cantante impegnato. I testi delle sue canzonette non danno da pensare come quelle di un Guccini.

Tecnica che adesca un limitato numero di persone: valida ad esempio nei luoghi di lavoro, nei quartieri e, nei casi in cui si invitano celebrità importanti o si creano eventi di notevole interesse, può arrivare a distrarre un'intera città. 

Faccio alcuni esempi.

A scuola: può essere capitato talvolta che qualche calcinaccio nella scuola di tuo figlio sia caduto in testa a un suo compagno. Il tetto della scuola sta per crollare! Il preside invita allora a scuola un cantante noto, come Claudio Baglioni, a tenere una conferenza sulla musica, in modo che gli studenti parlino dell'evento e i genitori si dimentichino del problema.

Nel quartiere: le strade sono piene di buche e il numero degli incidenti è aumentato? L'assessore al traffico invita allora un personaggio noto, come Claudio Baglioni, alla biblioteca comunale per parlare del suo ultimo libro, distraendo così gli abitanti del quartiere.

La città: i cittadini sono assediati da smog, traffico e microcriminalità? Il sindaco fa tenere un concerto a Claudio Baglioni nella piazza principale del paese, cosicché nessuno avrà memoria dei problemi fino al prossimo concerto.


In tutti questi casi la gente tornerà a casa felice, dimentica di quanto di grave è accaduto o al massimo, male che vada, darà la colpa di tutto a Claudio Baglioni. Questa tecnica è utile sia quando il problema o lo scandalo sta per scoppiare, sia quando è già scoppiato e si ha bisogno insabbiarlo. 
È consigliato chiamare personaggi che devono promuovere qualche loro libro o album o film, in modo che il costo dell'operazione sia limitato.

L'invito di una persona famosa può essere sostituito da altri eventi, differenti a seconda dell'ambito in cui vi trovate:
A scuola o in ufficio è possibile organizzare recite o gite o serate a tema.
In un quartiere o in un paese di provincia si può organizzare la Sagra della lombata di carpa, le cui spese di allestimento saranno totalmente coperte dagli introiti.

In una grande città la situazione si complica e bisogna avere numerose conoscenze e agganci in svariati settori: una buona idea è fare in modo che la squadra locale di calcio vinca un'importante partita, oppure fare in modo che alla città venga assegnato qualche evento importante, come i Mondiali dei fachiri o la Giornata mondiale della melanzana sott'olio o Expò. In questo caso è richiesta una notevole mole di denaro per poter attuare una corruzione degna di questo nome: svendendo qualche assessorato e regalando appalti, si possono ottenere buoni risultati. Ecc.... 

PS: 
Potrei continuare e Armi di distrazione di massa nazionali, Tecnica dell'ottimismo, Tecnica della paura ingiustificata, Eventi periodici, Dibattiti riciclati ogni anno, Tecnica dello scaricabarile, per poi arrivare alle Armi di distrazione di massa globali.

Enzo Vincenzo Sciarra
Posta un commento

Facebook Seguimi