30 gennaio 2016

Aereo spia americano intercettato da caccia russo

Aereo spia americano intercettato da caccia russo

Washington, 29 gen – Il Pentagonoriferisce che un aereo da ricognizione elettronica RC-135U è stato intercettato sulMar Nero nella giornata di lunedì scorso da un caccia russo Su-27 “Flanker”.
La notizia è trapelata solo ieri quando il capitano della US Navy Daniel Hernandez, portavoce capo per il U.S. European Command, ha rilasciato un’intervista alWashington Free Beacondicendo che il caccia “ha intercettato il velivolo da ricognizione in modo pericoloso e poco professionale“. Secondo il Pentagono l’RC-135 volava a circa 30 miglia dalla costa russa, nello spazio aereo internazionale, quando il Su-27 si è avvicinato a circa 20 piedi (quasi 7 metri) dal quadrireattore americano, compiendo quindi una manovra evasiva poco ortodossa che con la sua scia avrebbe “disturbato la controllabilità” dell’aereo spia: il caccia infatti avrebbe compiuto una virata “aggressiva” davanti muso dell’RC-135.
Sempre come riportato dal Washignton Free Beacon, il Pentagono ha annunciato giovedì scorso che ha concluso l’accordo con la Russia in merito ad un memorandum sulla sicurezza in volo dopo una videconferenza con ufficiali del Ministero della Difesa russo. La discussione verteva sulla sicurezza aerea sopra i cieli della Siria in modo da “evitare incidenti e scontri involontari tra le forze della coalizione e la Russia ogni volta che le due parti operano a distanza ravvicinata” come riportato dal portavoce del Pentagono Peter Cook. Nessun cenno, invece, riguardo all’incidente di lunedì.
L’incontro ravvicinato tra il Su-27 e l’RC-135 è solo l’ultimo della lunga serie di “incidenti” avvenuti tra le due potenze dall’inizio della crisi ucraina: si ricorda infatti lo scramble dei caccia americani per intercettare due bombardieri russi al largo della California, oppure il passaggio a volo radente di un Su-24 sul cacciatorpediniere lanciamissili USS “Donald Cook”(DDG-75) avvenuto sempre nel Mar Nero nell’aprile del 2014.
Paolo Mauri
Posta un commento

Facebook Seguimi