05 novembre 2015

L’appello straziante di una madre che ha perso suo figlio di 2 mesi a causa delle vaccinazioni

L’appello straziante di una madre che ha perso suo figlio di 2 mesi a causa delle vaccinazioni

- diRedazione Autismo e Vaccini

Gentili lettori, oggi proponiamo la testimonianza di una madre che ha perso suo figlio di 2 mesi a causa delle vaccinazioni somministrate.

Non possiamo fare a meno di provare una certa vergogna per coloro che, per un po’ di tosse, a distanza di 5 anni, hanno pensato di lanciarsi in una petizione per richiedere l’obbligatorietà vaccinale. Il fatto che siano residenti in Emilia Romagna, regione nota per spingere l’acceleratore su questa pratica tutt’altro che priva di effetti collaterali, ci porta a pensare che qualche piccola spintarella è stata data e sarà presto svelata alla luce del sole.

Nel frattempo, leggetevi cosa significa perdere un figlio di pochi mesi a causa delle vaccinazioni.

Questa è la mia storia.

Voglio che il mondo sappia.

Si prega di copiare, condividere, incollare, citare – qualunque cosa si possa fare per farne parola.
I DANNI VACCINALI SONO REALI

C’è un rischio reale. Il vostro bambino non è immune da loro. Un danno vaccinale è imparziale. Può colpire quelli che meno te l’aspetti – come me.

Il mio nome è Suzanne Fuhri. Ho due figlie nate nel 1994 e 1995. Le mie figlie hanno ricevuto i vaccini quando erano bambine, quindi non ho mai pensato che avevo bisogno di fare ricerche quando è nato mio figlio. Non sapevo che il programma vaccinale era diverso. Ora, somministrano più vaccini ai bambini.

Mio figlio, Tommy, è nato il 28 settembre 2012. In data 29 Novembre 2012 l’ho portato a vaccinarsi, a due mesi di vita, come un bambino sano. Due giorni dopo, se ne era andato.

Io vivo con il cuore spezzato ogni giorno e voi potete evitare che accada alla vostra famiglia.

Quotidianamente mi chiedo, come ho potuto lasciar fare tutto questo al mio bambino?

Il medico ha iniettato a mio figlio tutti quei vaccini, ed io avevo fiducia in lui. Mi sono fidata che i vaccini somministrati a mio figlio erano sicuri. Il medico e tutti coloro che lavorano nel suo ambulatorio hanno saputo che mio figlio è morto – non hanno mai avuto il tempo di telefonare o inviare una messaggio di condoglianze. Hanno saputo che è morto. A loro non importa. Presumo abbiano compreso che non otterranno più soldi da me perché mio figlionon potrà mai più tornare per ulteriori appuntamenti e somministrazioni di vaccinazioni velenose.
A LORO MANCANO I MIEI SOLDI, MA A ME MANCA MIO FIGLIO!

Ho il mio cuore spezzato ma non ho raccolto informazioni. C’erano informazioni ovunque per me, da avere e imparare.


Ho solo pensato che stavo facendo la cosa giusta.

Ho pensato che stavo facendo la scelta migliore per il mio bambino, il mio Tommy.

Ho perso mio figlio dopo le prime somministrazioni di vaccini.

Le mie braccia sono vuote, dolorosamente vuote.

GENITORI PER FAVORE. Lasciate che il mio dolore possa aiutarvi a prendere una decisione saggia. Ero ignorante. Ho pensato: “Mio figlio starà bene“. Ho sbagliato.


Non si può mai più tornare indietro dopo una vaccinazione.

Un piccolo corpo inerme pompato con quegli ingredienti tossici e tante VACCINAZIONI in una sola volta.

Non potrò mai tornare indietro dopo quanto è stato fatto. Il mio Tommy. Andato.

Pensavo di avere un medico affidabile, premuroso. Ho pensato che i vaccini erano sicuri.

I medici sono PAGATI. Somministrano iniezioni letali, e le iniezioni causano gravi danni per alcuni bambini; sanno che vi è un rischio, ma ogni vaccino porta reddito $$.

Anche un solo vaccino può essere troppo.

Ho dovuto perdere mio figlio prima di imparare tutta la verità. I vaccini sono pericolosi. Perché non ho avuto fiducia in Dio? Egli ci ha dato un sistema immunitario per combattere le infezioni e le malattie.

Si prega di non correre il rischio. Non ne vale la pena. Ci sono cose che potete fare per rimanere in buona salute. I vaccini sono troppo pericolosi. Semplici cose che potete fare :
Mantenete le malattie lontano dalla vostra famiglia.
Rispettate voi stessi e la vostra famiglia.
Tenete la spazzatura fuori della vostra vita.

Non posso avere indietro mio figlio, ma posso utilizzare il mio dolore per avvisare altri genitori. Vi esorto a fare le ricerche che non sono riuscita a fare.

Il resto della testimonianza di questa madre, che potete trovare pubblicata sul suo blog personale, termina con una preghiera dedicata al figlio è una serie di link di ricerca che non ha potuto effettuare in tempo utile per salvare la vita di suo figlio.

Il nostro semplice invito è sempre lo stesso: prima di vaccinare informatevi ed educate voi stessi, perché non tutte le famiglie hanno il coraggio di urlare al mondo il loro dolore così come non tutti sono in grado di raccogliere il senso di questi accorati appelli.

Nell’era in cui si preferisce dare credito alla volgare parolina “bufala“, piuttosto che ai sacri testi di una Medicina che non c’è più, dove sono riportate le bibliografie ufficiali dei danni vaccinali, oppure alle testimonianze pubbliche di famiglie che hanno trasformato il loro dolore in potente informazione da condividere [qui potete leggere la storia diIan Larsen Gromowski deceduto a 46 giorni di vita per una reazione avversa al vaccino anti-epatite B] non è più consigliabile presentarsi a vaccinare a cuor leggero, pensando che non accada mai nulla. Non esistono vaccini sicuri. Ogni singolo vaccino è ora esposto alla mancanza di prove che dimostrino la sua capacità di prevenire una certa malattia. Pensate che sia un’esagerazione? Ripensateci, perché, quando capita un danno, non si torna più indietro.

Posta un commento

Facebook Seguimi