10 novembre 2015

La Chiesa rende allo Stato italiano almeno 11 miliardi di euro l’anno


L’8 per mille viene spesso giudicato una forma di sovvenzionamento ingiustificato da parte dello Stato. Stando alle ultime statistiche disponibili la Chiesa a fronte del miliardo di euro che riceve dai contribuenti italiani ne restituisce almeno dieci volte tanto in beni e servizi . A fare i conti è stato il giornalista Giuseppe Rusconi nel suo libro “L’impegno” (Rubettino) in cui è riuscito a quantificare con precisione quanto le attività sociali della Chiesa restituiscono alla sociatà italiana.

Ecco alcuni numeri:


– Le parrocchie aiutano in ambito sociale per almeno 260 milioni di euro annui

– Le mense per i poveri: sei milioni di pasti annui per 27 milioni di euro

– Banco alimentare e iniziative analoghe: circa 650 milioni di euro annui

– Iniziative diocesane di microcredito contro le nuove povertà: circa 50 milioni di euro annui


– Scuole paritarie cattoliche: risparmio per lo Stato di circa 4,5 miliardi di euro l’anno

– Formazione professionale cattolica: risparmio per lo Stato di circa 370 milioni di euro

– Sanità cattolica: verosimile un risparmio per lo stato di circa 1,2 miliardi annui


– Lotta contro la droga: comunità ecclesiali fanno risparmiare allo Stato circa 800 milioni di euro annui

– Lotta contro l’usura: la Chiesa dà circa 1,2 milioni di euro l’anno alla Consulta anti-usura e alle Fondazioni regionali ad essa collegate

– Volontariato: si può stimare in 2,8 miliardi di euro l’anno l’apporto annuo del volontariato cattolico

– Migranti: circa 2 milioni di euro l’anno.


– Beni culturali ecclesiastici: apporto Chiesa circa 130 milioni di euro l’anno

– Prestito della speranza: 30 milioni di euro una tantum

– Post-terremoto L’Aquila: 35 milioni di euro in 3 anni

– Post-terremoto Emilia: 13 milioni in otto mesi

– Progetto Policoro (Iniziativa per i giovani disoccupati al sud: la formazione per costruirsi un lavoro attraverso la realizzazione di nuove imprese e cooperative): un milione di euro
Per acquistare il libro di Rusconi cliccare qui.

Posta un commento

Facebook Seguimi