15 novembre 2015

Come fermare l'Isis? Basterebbe un banane embargo.... da i paesi che aderiscono all'ONU, nessuno escluso.



Come fermare l'Isis? 

Basterebbe un banale embargo.... da i paesi che aderiscono all'ONU, nessuno escluso.

Embargo si intende il blocco degli scambi commerciali deciso da uno o più paesi nei confronti d'isis e dei paesi che lo sostengono. Solitamente per motivi politici o economici. Si tratta di una misura di coartazione della libertà di decisione degli stati colpiti da tale provvedimento.

Embarghi in essere

Attualmente, tra i paesi colpiti da embargo, figurano:

I governi dell’Unione Europea hanno dato il via libera all'embargo alla Russia con la proroga di sei mesi delle sanzioni contro le entità ucraine e russe in scadenza il 31 luglio 2015, fino a gennaio 2016. "Le sanzioni contro Mosca - ha detto Putin in conferenza stampa con il premier Renzi - hanno danneggiato la collaborazione con l'Italia, un nostro grande partner con il quale abbiamo rapporti strettissimi da oltre 500 anni, e sono un ostacolo oggettivo alle imprese italiane".

Mosca blocca le importazioni di cibo da altri paesi: il nuovo provvedimento riguarda Albania, Montenegro, Islanda, Liechtenstein e Ucraina. A pagarne le conseguenze, secondo gli esperti russi, saranno soprattutto Islanda e Ucraina, dato il volume di scambi commerciali.

Corea del Nord: attuato dall'ONU, dagli USA e dalla UE nel 2006 in seguito all'attuazione di un test nucleare da parte del regime nord-coreano. Tale embargo proibisce la vendita alla Corea del Nord e il commercio in tale Paese di armi missilistiche, carri armati e beni di lusso.

Iran: attuato prima dagli Stati Uniti, che interruppero qualsiasi rapporto commerciale e diplomatico con l'Iran, e poi dall'ONU, in seguito alla crisi degli ostaggi.

Birmania: attuato a causa delle gravi mancanze in materia di diritti umani e democrazia, nonché delle sanguinose repressioni ai danni di minoranze etniche e oppositori politici, perpetrate dal regime militare attualmente al comando.

Sierra Leone: embargo attuato sul commercio dei diamanti in tale Paese, il cui acquisto è vietato.

Siria: attuato dall'ONU in seguito alle violente repressioni che il governo siriano ha attuato, nelle quali l'esercito ha fatto uso di armi e blindati per soffocare proteste, manifestazioni e rivolte popolari.

Sudan: attuato dall'ONU in seguito alle sanguinose azioni militari di pulizia etnica attuate dal regime militare sudanese nella regione del Darfur.

Palestina: attuato da Israele a partire dal giugno 2007; vedi anche Blocco della Striscia di Gaza.
Mali Mali: dall'aprile 2012 (dalla comunità economica stati africani).

Embarghi passati

Italia: attuato dalla Società delle Nazioni negli anni trenta a seguito della guerra d'Etiopia.

Libia: realizzato in seguito alle violente repressioni che sarebbero state attuate dal regime del colonnello Gheddafi, era stato colpito da embargo, ma questo è stato interrotto con la Risoluzione del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite 1483 del 2003.

Iraq: In passato l'Iraq era stato colpito da embargo, ma questo è stato interrotto con la Risoluzione del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite 1483 del 2003.

Cuba Cuba!


Tecnoxplora
Posta un commento

Facebook Seguimi