02 ottobre 2015

Lo sai perchè paghi le tasse per la tua casa?Semplice,perchè non è più tua…Ecco perchè

tasse esproprio beni casa


Pagare un affitto su una casa propria è un paradosso tutto italiano.Il vero motivo che nell’UE non possediamo nulla,nulla è nostro,nemmeno i nostri beni, nemmeno quelli per cui abbiamo pagato e sudato per ottenerli, e le tasse servono proprio ad espropriarci da essi.Ecco perchè.

Partiamo dal presupposto che il debito pubblico fa sì che tutte le nostre proprietà e beni siano “sotto scacco delle banche”, e visto che tale debito è studiato ad arte per essere insanabile, non potremmo mai dire ne pensare che un qualcosa di nostra proprietà la possediamo completamente.

Teniamo presente, che di quel 70% di tassazione che versiamo (partite iva e aziende), circa il 50% di esso serve a pagare solo gli interessi (100 miliardi all’anno) generati dal nostro debito pubblico. Quindi le tasse non servono ad avere infrastrutture e servizi, ma servono ad arricchire continuamente i banchieri. All’usuraio non conviene liberare lo schiavo dall’oppressione del debito perché perderebbe la sua principale fonte di guadagno. 

Ormai, molti, hanno capito che pagare le tasse è un furto e versarle per le nostre proprietà ci dovrebbe far comprendere che siamo stati anche espropriati dei nostri beni, perché altrimenti che senso avrebbe pagare un “affitto annuale” su una casa di nostra proprietà? Per un immobile, qualcuno ha lavorato una vita per averlo, magari lo sta ancora pagando con il mutuo, oppure lo ha avuto in eredità grazie al duro lavoro e ai sacrifici dei propri genitori. Quindi se paghiamo un affitto, anche minimo, significa che ci hanno espropriato del nostro bene, altrimenti non lo si dovrebbe pagare.Forse per questo ci hanno fatto intendere comunemente che si definisce “proprietà privata”, evidentemente perché siamo stati “privati della proprietà”. Un contadino sa benissimo che se produce degli ortaggi dal suo terreno, quando li venderà sul cartello ci scriverà sopra “produzione propria” e non “produzione privata”. Forse una casa, se fosse realmente nostra, sarebbe più indicato definirla “proprietà propria” e non proprietà privata. In conclusione dobbiamo comprendere che le tasse servono semplicemente ad espropriarci di tutte le nostre ricchezze. Il meccanismo è sempre lo stesso sia a livello internazionale, con la schiavitù del debito pubblico e sia a livello nazionale attraverso i debiti individuali. Le imposte non devono essere spostate da una parte all’altra, ma devono essere ridotte drasticamente e in futuro, con la sovranità monetaria e con il rinnegamento del debito pubblico eliminate quasi del tutto.

Citiamo una frase di Giacinto Auriti che spiega in modo chiaro e con poche parole il quadro della situazione sopra citata:

“Pagare un debito di moneta con altra moneta emessa a debito è impossibile; a lungo andare si pagherà con i propri beni (ciò che sta accadendo), o con il proprio lavoro non retribuito (ciò che dovrà accadere): quindi con la schiavitù”

Posta un commento

Facebook Seguimi