30 ottobre 2015

LAURA BOLDRINI INVITA UN IMAM CHE ELOGIA I KAMIKAZE PER DIRE CHE L’ISLAM E’ UNA RELIGIONE DI PACE.

LAURA BOLDRINI INVITA UN IMAM CHE ELOGIA I KAMIKAZE PER DIRE CHE L’ISLAM E’ UNA RELIGIONE DI PACE.

La Boldrini invita un Imam che esalta i kamikaze e afferma che bisogna picchiare le mogli per tenere una conferenza davanti ai deputati su “Islam, religione di pace”.

Laura Boldrini, presidente della camera, aveva invitato Ahmad Mohammad Ahmad al-Tayyeb, il Grand imam di al-Azhar in Cairo, a tenere una Lectio Magistralis prevista per mercoledì 21 ottobre alle 15 nella Sala della Regina di Montecitorio. Il tema dell’intervento del Grand imam era «L’Islam, religione di pace». La Boldrini ha motivato la sua scelta affermando che al-Tayyeb era una «figura di rilievo nell’indispensabile azione di contrasto al dilagare del terrorismo e della strumentalizzazione estremista della fede». In effetti l’imam, considerato una sorta di “Papa sunnita” data la grande importanza del ruolo che svolge, è conosciuto nel mondo islamico come uno dei più moderati e aperti all’Occidente. Viene infatti invitato spesso nel nostro continente per varie conferenze sul tema. Per farvi un esempio della sua moderazione, citiamo alcune frasi da lui pronunciate.


Riguardo al rapporto tra marito e moglie, nel 2007 ha affermato (e successivamente mai smentito) che le donne non vanno picchiate, ma che semplicemente vanno riservate loro delle «percosse leggere» (sic.); il marito quindi si deve limitare solo a «pugni» e «spintoni» (testuale) e nulla più.

Riguardo agli infedeli e a chi osteggia Maometto, afferma che bisogna semplicemente applicare ciò che è scritto nel Corano, che per «chi muove guerra ad Allah e al suo Messaggero» prevede «esecuzione o crocifissione o amputazione di mani e piedi di lati opposti o l’espulsione dalla terra». Questo però -precisa- non perché siano assassini, ma semplicemente perché «combattono Dio e il suo profeta».

Di rilievo è anche la sua soluzione contro le ingiustizie che Israele perpetua al popolo palestinese: «la soluzione al terrore israeliano risiede nella proliferazione degli attacchi suicidiche diffondono terrore nel cuore dei nemici di Allah».

La domanda ci sorge spontanea: ma che diamine gli è saltato in mente alla Boldrini di invitare uno del genere, tenendo conto anche che a questa Lectio Magistralis ci teneva veramente? Più spiegazioni sono possibili:
non sa fare bene il suo lavoro, non informandosi semplicemente su chi invita a Montecitorio. E questo non è da escludere…
il suo desiderio irrefrenabile di trovare un islam moderato a qualsiasi costo le impedisce discernere bene le cose;
non è in buona fede, in quanto vuole dare importanza all’Islam per oscurare il retrogrado cattolicesimo da lei tanto osteggiato, per esempio, per quanto riguarda i diritti gay;
varie ed eventuali…

In ogni caso, a salvare la faccia della terza carica dello Stato ci ha pensato lo stesso imam. Al-Tayyeb, infatti, ha annullato all’ultimo momento l’incontro a Roma per via di alcuni impegni nel suo Paese, l’Egitto. Oltre il danno, anche la beffa, ma almeno deputati e giornalisti non si sono sorbiti la solita tiritera dell’Islam religione di pace pronunciata da uno che esalta i kamikaze.

Fonte: Oltre Matrix
Posta un commento

Facebook Seguimi