08 ottobre 2015

LA DEUTSCHE BANK ANNUNCIA COLOSSALI PERDITE: 6,2 MILIARDI DI EURO NEL III° TRIMESTRE, UN TRACOLLO COSI' NEANCHE NEL 2008


BERLINO - Come avevamo anticipato noi, de ilNord.it nei giorni scorsi, la situazione della prima banca di Germania, la Deutsche Bank, è catastrofica.

Peggio delle peggiori attese:iI nuovo co-presidente di Deutsche Bank, John Cryan non ha usato mezzi termini per descrivere la disastrosa prestazione finanziaria trimestrale dell'istituto: mercoledi' sera - cioè ieri sera, a mercati chiusi - l'istituto bancario tedesco ha annunciato con una secca nota una perdita record di 6,2 miliardi di euro per il terzo trimestre dell'anno, generati in gran parte dagli oneri straordinari per 5,8 miliardi di euro necessari ad adeguare la banca ai requisiti patrimoniali.

Il colosso bancario tedesco - sottolinea il quotidiano tedesco "Handelsblatt" non aveva registrato un tracollo di simili proporzioni nemmeno all'apice della crisi finanziaria del 2008 .

"Le notizie non sono buone - ha scritto Cryan in un messaggio ai dipendenti - nel terzo trimestre la perdita sara' molto significativa a causa di tre fattori che comportano oneri per 7,2 miliardi di euro".

"Il management board di Deutsche Bank - prosegue la nota - proporra' la riduzione o la cancellazione del dividendo per il bilancio 2015" In un'ottica di medio termine, gli ammortamenti dovrebbero creare le basi per il piano di riorganizzazione della banca, che dovrebbe essere presentato alla fine del mese.

Gli oneri straordinari hanno riguardato soprattutto le divisioni "Retail e Private banking" e di "Investment banking".

La banca tedesca, che sconta anche gli oneri legati a causa giudiziarie come quelle dello scandalo Libor, ha inoltre rivisto il valore della controllata Postbank, dalla quale intende separarsi il prossimo anno.

Secondo le stime della banca, nei primi nove mesi dell'anno Deutsche Bank avrebbe rilevato una perdita netta di 4,8 miliardi di euro. 

Questo, è il quadro della situzione riferita al conti "noti" di Deutsche Bank, ed è un quadro molto negativo, il peggiore mai messo in luce da questa colossale banca. Tuttavia, esiste un'ulteriore situazione strettamente connessa all'andamento attuale: è quella dei derivati emessi e trattati da Deutsche Bank, il cui valore finanziario è tale da destabilizzare l'intero pianeta, se dovesse riflettersi su questo ambito la pessima condizione patrinoniale della banca.

Non è affatto difficile impotizzare che il crollo di Deutsche bank, a catena, farebbe crollare addirittura la Bce. 

Redazione Milano.
Posta un commento

Facebook Seguimi