29 settembre 2015

La storia dell'uomo che salvò il mondo dalla terza guerra mondiale

La storia dell'uomo che salvò il mondo dalla terza guerra mondiale

La vita come la conosciamo oggi sul nostro pianeta sarebbe potuta finire se non fosse stato per Vasili Arkhipov

Forse non avete mai sentito parlare di Vasili Arkhipov. Eppure la vita come la conosciamo oggi sul nostro pianeta sarebbe potuta finire se non fosse stato per il suo intervento decisivo durante la crisi missilistica cubana, ricostruisce Erico Matia Tavares.

Nato nel 1926, Arkhipov fu un dragamine durante la guerra sovietico-giapponese nel mese di agosto 1945. Due anni più tardi, si laureò presso la Caspian Higher Naval School, servendo nelle flotte sottomarine nel Mar Nero e Baltico - giusto in tempo per l'inizio del Guerra Fredda.

Nel corso del 1950 i sovietici divennero molto preoccupati per il vantaggio degli Stati Uniti nella produzione di sottomarini e così precipitarono lo sviluppo e la costruzione del K-19, il primo sottomarino nucleare sovietico, classe Hotel, equipaggiato con missili nucleari balistici. Tuttavia, le cose non andarono bene. Undici persone morirono a causa di incidenti durante la fase di costruzione. 

Questi erano presagi inquietanti per l'equipaggio. Ma era difficile immaginare gli eventi che si sarebbe svolti subito dopo.

Arkhipov è stato nominato vice comandante del K-19 nel suo viaggio inaugurale nel luglio 1961, sotto il comando del capitano Nikolai Zateyev. Dopo alcuni giorni di esercitazioni al largo della costa della Groenlandia, il sommergibile registrò l'avaria di una delle pompe del refrigerante del reattore nucleare, che causò la fuoriuscita di materiale radioattivo Le comunicazioni radio erano interrotte e e l'equipaggio non riuscì a contattare Mosca.

Senza un sistema di backup, Zateyev ordinò a sette membri dell'equipaggio di trovare una soluzione ed evitare una fusione nucleare. La fusione catastrofica fu evitata grazie al sacrificio di alcuni uomini dell'equipaggio che ripararono il circuito esponendosi a dosi letali di radiazioni. 

L'incidente espose tutto l'equipaggio alle radiazioni, tra cui Arkhipov. Tutti i membri che ripararano il circuito morirono per esposizione a radiazioni entro un mese. Più di quindici marinai sono morti per le conseguenze dell'esposizione alle radiazioni nel corso dei due anni successivi. Questo incidente è stato raccontato nel 2002 nel film di Hollywood "K-19: The Widowmaker", con Harrison Ford e Liam Neeson.

La guerra fredda iniziò a riscaldarsi subito dopo. Nel luglio del 1962, il leader sovietico Nikita Khrushchev accettò la richiesta di Cuba di collocare missili nucleari sul suo territorio come un deterrente per le future interferenze degli Stati Uniti. A metà ottobre, un aereo da ricognizione degli Stati Uniti fotografò la presenza a Cuba di missili balistici sovietci a media e lunga gittata.

Il presidente John F. Kennedy istituì un blocco militare per impedire che ulteriori missili entrassero a Cuba e chiese che i missili fossero rispediti in Unione Sovietica. Nei giorni successivi il mondo fu vicino ad una guerra nucleare con i due blocchi che vigorosamente rivendicavano le loro posizioni.

Nessuno si rese conto, al momento, di quanto fossero realmente vicino al disastro. Ed è qui che Arkhipov avrebbe dato il suo contributo decisivo per la storia del mondo.

Arkhipov era secondo in comando del sottomarino B-59 classe Foxtrot , parte di una flottiglia di quattro sottomarini che proteggevano le navi sovietiche nel loro cammino verso Cuba. Il 27 ottobre, mentre si avvicinavano, gli Stati Uniti imposero una linea di quarantena e le navi della Marina militare nel perseguimento cominciarono a lanciare bombe per forzare il B-59 ad emergere per l'identificazione - ignorando completamente che il B-59 traportasse armi nucleari.

Le esplosioni scossero il sommergibile che rimase al buio. Con l'aria condizionata che non funzionava, i livelli di temperatura e di biossido di carbonio aumentarono notevolmente. L'equipaggio non era quasi più in grado di respirare.

Era impossibile contattare Mosca e sotto la pressione degli americani, il capitano Valentin Savitskij ritenne che la guerra era scoppiata tra i due paesi e decisse di lanciare la testata nucleare. Non sarebbe affondato senza combattere.

Tuttavia, a differenza degli altri sommergibili della flottiglia, i tre ufficiali a bordo del B-59 dovevano concordare all'unanimità di lanciare la testata. Con l'altro ufficiale che si schierò con Savitsky, Arkhipov si trovò nella posizione di innescare la terza guerra mondiale.

Arkhipov è riuscito a convincere il capitano a non sganciare la testata nucleare. Come fu in grado di prevalere in tali condizioni di stress? In realtà era a capo di tutta la flottiglia e come tale era pari in graso di Savitskij. Ma la fama che aveva guadagnato durante l'incidente del K-19 potrebbe essere stato il fattore decisivo nel convincere gli altri ufficiali a interrompere il lancio. Questo dettaglio potrebbe aver fatto la differenza.

Il sommergibile alla fine emerse e attese ordini da Mosca, evitando quello che sarebbe stato un olocausto nucleare. La crisi missilistica cubana si concluse pochi giorni dopo.

Questo episodio cruciale della guerra fredda divenne noto in Occidente solo dopo il crollo dell'Unione Sovietica, molti anni più tardi.

Arkhipov ha continuato a prestare servizio nella Marina sovietica, al comando di sottomarini e squadroni di sottomarini. Fu promosso contrammiraglio nel 1975 e divenne capo dell' Accademia Navale Kirov. Nel 1981, è stato promosso a vice ammiraglio, prima di andare in pensione qualche anno dopo. Le radiazioni alle quali è stato esposto nell'incidente del K-19 hanno contribuito alla sua morte, nel 1998, a 72 anni. 

E' spaventoso pensare a quanto il mondo civile sia stato vicino all'estinzione. E' stato solo ad un clic di distanza, con due su tre a favore.

E potrebbe non essere stata l'unica volta. Chissà quanti altri uomini e donne hanno avuto un ruolo determinante nell'evitare la distruzione nucleare? Una persona può davvero cambiare il destino del mondo.

Non dobbiamo mai lasciare che i loro racconti vengano dimenticati
Posta un commento

Facebook Seguimi