30 settembre 2015

IN AUSTRIA TRAVOLGENTE VITTORIA ELETTORALE DELLA DESTRA NAZIONALISTA DEL FPOE. IL PARTITO DELLA LIBERTA SUPERA IL 30%


LONDRA - I partiti nazionalisti continuano a mietere consensi in tutta Europa e l'ultima vittoria si e' avuta in Austria domenica scorsa.

In Stiria (capitale Graz), la regione austriaca dove si è votato domenica, sono crollati i partiti tradizionali Spoe (socialdemocratici) e Oevp (popolari) e ha trionfato l’Fpoe, il Partito della Libertà, che supera il 30 per cento, ed è la prima volta che il movimento che fu di Joerg Haider supera questa percentuale fuori dalla Carinzia, vera roccaforte della destra austriaca.

L’Fpoe ha visto triplicati i propri consensi, e ha sorpreso tutti, perché i sondaggi non lo avevano rilevato, e questo dimostra quanto poco valgano, se si tratta di "sondare" le preferenze di voto a destra.

Molto soddisfatto del risultato elettorale il segretario nazionale dei liberalnazionali Hans-Christian Strache, che ha ipotizzato un effetto trainante per le prossime elezioni a Vienna e in Austria.

Nella campagna elettorale ovviamente il tema che ha dominato era la gestione dell’invasione dei clandestini, tanto che, come recitava un manifesto dell’Fpoe, «i cittadini si sentono stranieri nel loro Land».

I quotidiani austriaci, a cominciare dal Kronen Zeitung, parlano di vero e proprio terremoto elettorale, e prevedono tempi difficili per la formazione di un governo nel Land, dato che la coalizione Popolari-Verdi non ha più i numero per governare.

Ora, si attendono i ballottaggi in molti comuni, ma non si dica che la destra è stata favorita dalla disaffezione alle urne, visto che ha votato oltre l'80% degli aventi diritto.

Il principale candidato della Fpoe in Stiria, Manfred Heimbuchner, sorpreso dal grande risultato (aveva detto che il 25 per cento sarebbe stata una grande vittoria), ha detto che adesso l’Fpoe vuole delle vere responsabilità di governo e vuole trattare alla pari con tutti.

Ma il successo dei partiti nazionalisti non e' limitato solo in Austria visto che nella vicina Svizzera un recente sondaggio ha indicato che lo Swiss People Party di Christopher Blocher e' adesso il primo partito col 28 % dei voti e alle elezioni federali del 18 ottobre dovrebbe trionfare e superare i risultati ottenuti nel 2011.

Non c'e' che dire, questo autunno potrebbero esserci grosse sorprese e da questi due paesi potrebbe arrivare il colpo di grazia all'Unione Europea e alle lobby mondialiste che stanno distruggendo interi stati europei, a partire dall'Italia, con le loro folli politiche migratorie.

GIUSEPPE DE SANTIS - Londra.
Posta un commento

Facebook Seguimi