03 settembre 2015

CENTRO CARDIOLOGICO MONZINO: NUOVA TECNICA SALVAVITA CONTRO LA FIBRILLAZIONE ATRIALE: 91% DI SUCCESSI (STRAORDINARIO!)



MILANO - I malati di fibrillazione atriale grave e recidivante oggi hanno una nuova possibilita' di cura: al Centro Cardiologico Monzino di Milano e' stato messo a punto un intervento 'salvavita' combinato "che permette di curare con successo anche i casi considerati fino a ieri irrecuperabili".

A dirlo sono gli stessi esperti, che hanno gia' trattato 45 pazienti con la nuova metodica e che "dopo un follow-up di un anno e mezzo hanno riportato una percentuale di successo del 91%". "Nelle forme di fibrillazione atriale piu' aggressive e complesse - spiega Claudio Tondo, responsabile dell'Aritmologia - l'ablazione, cioe' l'intervento tradizionale, puo' non essere risolutiva: il 10% dei pazienti non guarisce ne' con i farmaci ne' con ripetute ablazioni, e la qualita' della loro vita e' inaccettabile".

Il nuovo intervento invece 'attacca' il problema da due fronti: "Dall'interno con un mappaggio elettro-anatomico, che individua l'area malata ricostruendo con estrema precisione dove si forma l'anomalia del ritmo; e dall'esterno, con un approccio chirurgico mininvasivo che rimuove la lesione riportando in ritmo il cuore".

L'intervento, commenta il responsabile della Cardiochirurgia II Gianluca Polvani, "si fa praticando tre piccoli fori nel torace e posizionando temporaneamente un ablatore che, circondando l'atrio di sinistra, garantisce la completa esclusione dei 'focolai aritmici atriali', vale a dire quelle zone di alterata funzionalita' che generano l'aritmia".

Un intervento che "e' da considerare salvavita - prosegue Tondo - anche perche' la fibrillazione atriale e' il maggiore fattore di rischio per l'ictus".

I risultati ottenuti, conclude la struttura, "fanno pensare che la nuova metodica diventera' il trattamento standard che chirurghi e aritmologi dovranno utilizzare. Da qui l'idea di istituire al Monzino un Centro per il trattamento integrato della fibrillazione atriale cronica, che si occupera' anche del training di aritmologi e cardiochirurghi". 

Straordinario.

Redazione MIlano.




Posta un commento

Facebook Seguimi