04 agosto 2015

TalkReal. Cattivi maestri - E' possibile cambiare l'Europa?‏

TalkReal. Cattivi maestri - E' possibile cambiare l'Europa?‏

Le vicende delle ultime settimane dimostrano con chiarezza che le strutture di governance sono rotte

I negoziati tra la Grecia e i creditori, l’arroganza del governo tedesco, la portata del ricatto praticato attraverso il debito hanno aperto un grosso dibattito a sinistra sulle prospettive spaziali dei processi di trasformazione sociale. Dopo la puntata registrata ad Atene, torniamo a parlare delle possibilità di cambiare quest’Europa, da sinistra.

Dalla Grecia all’immigrazione, il processo decisionale europeo continua ad accumulare errori storici. L’incapacità di costruire una reale democrazia transnazionale sta compromettendo il benessere di tutti i popoli d’Europa. Le vicende delle ultime settimane dimostrano con chiarezza che le strutture di governance sono rotte.

Ma l’Europa appare oggi a molti come uno spazio in cui è sempre più difficile costruire politiche ed economie realmente alternative al pensiero unico dominante.

Ma è ancora possibile immaginare una trasformazione radicale, democratica e costituzionale del nostro continente? Siamo ancora in tempo per farlo? E con quali mezzi? Con quali forze ed alleanze?

Nella puntata di TalkReal girata al festival dei Beni Comuni di Chieri, in provincia di Torino, abbiamo posto queste ed altre domande a: Toni Negri (controverso teorico dell’Autonomia e oggi tra i più noti intellettuali mondiali), Sandro Mezzadra (professore all’Università di Bologna e animatore del collettivo Euronomade), Ugo Mattei (giurista e personalità chiave del movimento per i beni comuni), Laura Pizzirani (attrice e attivista del Teatro Valle), e Guido de Togni (ricercatore e attivista). Con un intervento in chiusura di Gilberto Gil (musicista di fama mondiale ed ex-ministro della cultura del Brasile). Presenta e modera Lorenzo Marsili, direttore di European Alternatives.
 

Posta un commento

Facebook Seguimi