05 agosto 2015

Oligarchia americana: 400 famiglie hanno versato il 50% dei fondi raccolti per i candidati presidenziali del 2016

Oligarchia americana: 400 famiglie hanno versato il 50% dei fondi raccolti per i candidati presidenziali del 2016

La maggioranza del pubblico americano ha poca influenza sulle politiche che il governo adotta

Da uno studio – “Testing Theories of American Politics: Elites, Interest Groups, and Average Citizens” - condotto nel 2014 da Martin Gilens della Princeton University e Benjamin I. Page della Northwestern University è emerso che gli Stati Uniti non sono una democrazia, ma un’oligarchia.

“Nonostante l'apparente forte supporto empirico in precedenti studi per le teorie della democrazia maggioritaria, le nostre analisi suggeriscono che la maggioranza del pubblico americano in realtà ha poca influenza sulle politiche che il nostro governo adotta. Gli americani godono di molte caratteristiche centrali per una governance democratica, quali elezioni regolari, la libertà di parola e di associazione. Ma noi crediamo che se le politiche continueranno ad essere dominate da potenti organizzazioni imprenditoriali e un piccolo numero di ricchi americani, la democraticità della società americana è gravemente minacciata”. 

Dalla pubblicazione di questo studio in molti hanno ammesso che gli Stati Uniti sono un'oligarchia. Anche l'ex presidente Jimmy Carter l'ha riconosciuto la scorsa settimana. 

Un articolo del New York Times di ieri, ripreso dal blog di Mike Krieger, rivela che "meno di 400 famiglie hanno versato quasi la metà del denaro raccolto nella campagna presidenziale per il 2016, una concentrazione di donatori politici che non ha precedenti in epoca moderna.

La corsa alla raccolta fondi ha reso la maggior parte dei candidati alla presidenza profondamente dipendenti da una piccola cerchia di ricchi americani.

E questo è esattamente come piace agli oligarchi.

Esaminare i principali donatori delle campagne presidenziale equivale a concentrarsi sul ricco 1% degli americani. Almeno 67 sono miliardari o sposati con uno, secondo Forbes.

"Nel mondo dei donatori, è fondamentale l'amore per la libertà economica", sostiene Chart Westcott, un investitore di private equity di Dallas che ha contribuito con 200.000 dollari all' Unintimidated PAC, un gruppo che sostiene il governatore Scott Walker del Wisconsin. "Questa è la principale motivazione per la maggior parte dei donatori - maggiore prosperità per il paese nel suo complesso, oltre che per se stessi. "

"Più prosperità per il paese nel suo complesso ..."

Davvero? Dove si trova questa diffusa prosperità?

Il senatore Ted Cruz del Texas, un favorito del movimento del Tea Party , ha raccolto la maggior parte dei fondi dal minor numero di donatori. Un gruppo di super PAC a sostegno di Cruz rhanno accolto 37 milioni di dollari quasi tutti provenienti da sole tre famiglie. Robert Mercer, un investitore di New York, ha contribuito con 11 milioni, diventando il principale donatore del paese in questo ciclo elettorale.

Ma milioni di dollari sono arrivati ​​anche da persone giuridiche senza un chiaro legame con un individuo o un'azienda: Una donazione da un milione di dollari per un super-PAC pro-Bush è arrivata dalla Jasper Reserves, una società a responsabilità limitata fondata due anni fa in West Virginia di cui si sa molto poco dei suoi proprietari.

La più grande donazione singola in America ad un gruppo che sostiene il governatore Chris Christie del New Jersey è venuto da un investitore di Boston che cerca di costruire un resort da 4 miliardi nella zona".
Posta un commento

Facebook Seguimi