04 agosto 2015

Il presidente della Repubblica Ceca spiega (senza fronzoli) quali sono i veri motivi dell’ondata di immigrazione in Europa

Il presidente della Repubblica Ceca spiega (senza fronzoli) quali sono i veri motivi dell’ondata di immigrazione in Europa
- di Luciano Lago –

“Ogni paese ha politici che si merita”, questo un vecchio detto, giudicato anche un luogo comune ma che per l’Italia ha una sua valenza storica, viste le condizioni disastrate in cui si trova il nostro paese.
A proposito di presidenti della Repubblica, massima carica delle Istituzioni, abbiamo avuto in questo paese dei presidenti, a nostro giudizio indegni, come l’ultimo Giorgio Napolitano che ne è stato il miglior esempio, i quali avrebbero dovuto essere messi sotto inchiesta per come hanno consentito la violazione delle norme costituzionali, in particolare quella che riguarda la sovranità nazionale (art. 1, “La sovranità appartiene al popolo, che la esercita nelle forme e nei limiti della Costituzione”) , dimostrandosi proni e servili a tutte le direttive che sono venute dall’esterno (dalla Troika europea o da Washington) anche quando si è trattato di far scendere il nostro paese in guerra contro i suoi stessi interessi nazionali (operazione della NATO in Libia) in barba alla costituzione (art. 11.” l’Italia bandisce la guerra come mezzo per la risoluzione delle crisi internazionali») .

Ci sono invece altri paesi in Europa, piccoli ma con grande senso della propria storia e della propria identità nazionale (quella che manca in Italia), come ad esempio la Repubblica Ceca,dove è stato eletto un presidente, Milos Zeman, che dimostra di non volersi piegare a nessun potere e che parla dicendo le cose come stanno, evitando la stucchevole retorica e la propaganda che caratterizzano i discorsi dei presidenti in Italia.

Anche nella Repubblica Ceca viene avvertito il problema dell’immigrazione clandestina ed è interessante ascoltare le dichiarazioni del presidente Zeman in proposito:
“Di questo grande afflusso di rifugiati e di clandestini illegali verso l’Europa sono responsabili gli Stati Uniti ed i paesi europei che hanno partecipato nella esecuzione dei piani dementi attuati in paesi come l’Iraq, la Libia e la Siria, ha dichiarato ieri il presidente Milos Zeman.

“L’attuale ondata di immigrazione (in Europa) è sorta a causa della idea demente di invadere l’Iraq, dove presumibilmente (secondo gli USA) si immagazzinavamo grandi armi di distruzione di massa, ma alla fine non si è trovato nulla del genere. Questa ondata deriva anche a causa dell’idea pazza di voler restaurare l’ordine in Libia e successivamente in Siria”, ha segnalato Zeman nel corso di una intervista al giornale ceco, “Blesk”.
“Come risultato di queste azioni, sono venuti fuori in quei paesi regimi di terroristi che in ultima istanza hanno spinto l’attuale flusso incontrollato di immigranti illegali in Europa”, ha aggiunto il presidente Zeman.

“La responsabilità di tutto questo ricade non soltanto sugli Stati Uniti ma anche sui paesi dell’Unione Europea che hanno dato il loro assenso nel partecipare a queste operazioni belliche insensate, come avvenuto in Libia”, ha ricordato il mandatario ceco.

Da considerare che, alla fine di Giugno, centinaia di cittadini cechi sono scesi in strada nella città di Brno per protestare contro la politica migratoria della UE e gli attivisti si sono mostrati contrari ad attuare le politiche migratorie di accoglienza per quote dettate dalla Commissione Europea.

Il presidente ceco Zeman è lo stesso che, due mesi addietro, in occasione di una sua visita programmata a Mosca per presenziare ai festeggiamenti per i 70 della vittoria della Russia nel secondo conflitto mondiale, aveva cacciato dalla residenza presidenziale l’ambasciatore statunitense, Andrew Schapiro, che era venuto a suggerigli “di non recarsi in Russia” per uniformarsi alle decisioni sanzionatorie di Washington.

In quell’occasione Zeman aveva dichiarato: Qualcuno potrebbe immaginare il nostro ambasciatore a Washington mentre porge “raccomandazioni” a Washington per il presidente Obama sul dove deve o non deve recarsi in visita? Si è domandato Zeman, citato da Radio Praga.
“Non permetto a nessun ambasciatore straniero di interferire nelle mie visite pianificate.” Vedi: Il presidente della Repubblica Ceca polemizza contro la grossolana ingerenza di Washington

Confrontare pure queste dichiarazioni e questa posizione con quelle dei presidenti della Repubblica Italiana e potrete facilmente intuire quali siano le differenze.


Posta un commento

Facebook Seguimi