05 agosto 2015

Il mio grasso grosso funerale greco. "Sono stufo di vedere il mio paese e la mia gente disintegrarsi"

Il mio grasso grosso funerale greco. Sono stufo di vedere il mio paese e la mia gente disintegrarsi

KTG: “Sono senza parole. Non da ieri o dalla scorsa settimana. Sono senza parole dal 13 luglio"

Vi proponiamo un'ampia sintesi del toccante sfogo di Keep talking on Greece, da sempre uno dei nostri principali punti di riferimento nel nostro racconto del saccheggio in corso ad Atene da parte del regime di Berlino, Bruxelles e Francoforte. Tutti concetti e dati che vi abbiamo raccontato nei mesi scorsi e che non troverete mai in quella che è la stampa mainstream anche perché, nonostante tutto, vi ostinate a leggere.


“Sono senza parole. Non da ieri o dalla scorsa settimana. Sono senza parole dal 13 luglio, quando il governo di coalizione di sinistra ha deciso di affossare il paese e la sua popolazione con un nuovo prestito, il terzo piano di salvataggio per la Grecia dal 2010, con un nuovo programma di austerità con misure più severe che mai. Sono stato senza parole da allora e per più di una settimana ho pensato di non scrivere più su questo blog. Ma ho preso un po' di tempo per assorbire lo shock senza risucirci.

Non riesco a capire come un governo di sinistra abbia finito per firmare il peggior programma di austerità. Per la semplice ragione che se un governo di sinistra al governo firma quest'accordo, cosa mi devo aspettare da una destra o un governo neoliberista? Raid nel mio appartamento, che rubino anche le mie pentole da cucina, la mia collezione di ceramica o la mia biancheria intima? Quando un governo di sinistra firma un accordo del genere, si può dire che il sistema politico in Grecia è finito. E non c'è alternativa.

In primo luogo, non si può non ricordare la colpa dei creditori per voler umiliare SYRIZA, al fine di evitare di creare altri esempi dello stesso tipo all'interno della zona euro. La colpa dei creditori e in particolare del ministro delle finanze tedesco Schaeuble per il suo piano di Grexit: 5 anni di salvataggi, cinque anni di Grexit temporanea, prima che la Grecia potesse tornare ai mercati. Quello era il tono originale Schaeuble nel 2011. Poi abbiamo accusato il disaccordo tra il Fondo monetario internazionale e la Germania in termini di "riduzione del debito greco". E infine abbiamo accusato il 'dilettantismo del governo greco' che ha inviato all'Eurogruppo la sua squadra economica per spiegare ai creditori che la zona euro dovesse essere modificata. Ci sono voluti Varoufakis & Co per capire che i creditori non sono in vena di ascoltare alcune teorie economiche e manifesti rivoluzionari, ma che semplicemente vogliono solo i soldi indietro. Tutta la nostra narrazione era giusto e sbagliato allo stesso tempo, perché il gioco era già deciso fin dall'inizio.

Quando la squadra greca ha iniziato a lavorare sulle sue proposte, era troppo tardi. Schaeuble era determinato a cacciare la Grecia fuori dall'euro e a tamponare il Grexit con un prestito di circa 50 miliardi di euro. In entrambi i casi, con o senza euro, con o senza dracma, con o senza Schaeuble e SYRIZA, il risultato era lo stesso: un terzo piano di salvataggio e un altro programma di salvataggio. Non c'è speranza per questo paese, per le persone - almeno, per la maggior parte di loro.

A me davvero non interessa, se Varoufakis indossa camicie strane o sul perché ha voluto 'hackerare' i numeri dei contribuenti mentre era seduto con il suo team di hacker specializzati. Francamente, signori, non me ne frega più nulla. Francamente, signori, io sono stufo.

Sono anche stufo di ascoltare parlamentari dell'opposizione lamentarsi che il Presidente del Parlamento Zoi Konstantopoulou stia torturando i parlamentari con la sua rigidità. Sinceramente non me ne frega nulla. Francamente, signori, io sono stufo di vedere parlamentari "torturati" guadagnare 5.000 euro al mese e godere di esenzioni fiscali e diarie, mentre il resto di noi è in ginocchio finanziariamente, psicologicamente, fisicamente e moralmente.

Né mi interessa se SYRIZA sta cadendo a pezzi, se il primo ministro vuole le elezioni anticipate nel mese di settembre per avere una chiara maggioranza in Parlamento in modo che possa passare le bollette di austerità che non portano da nessuna parte.

Sono stufo di ministri e funzionari di partito e parlamentari dell'opposizione che discutono sull'opportunità che Varoufakis debba essere incriminato per alto o basso tradimento.

Quello che mi interessa è di guardare il mio paese e la gente letteralmente disintegrarsi. Vedo la nostra vita e vedo i greci soffrire ancora e poi ancora per la 'svalutazione interna' (euro, ndr), giorno dopo giorno, settimana dopo settimana. Quando il terzo salvataggio sarà sigillato il 15 o il 20 agosto è questo che dirò.

La svalutazione interna del 40% è stata imposta in Grecia dal 2010. I controlli di capitale imposti il ​​29 giugno, al fine di salvare le banche, hanno rovinato la vita di molti greci. I miei amici che hanno lavorato per più di 20 anni in società private, sono stati "inviati a forzata vacanza" e il loro lavoro a tempo pieno si è trasformato in uno o al massimo due giorni di lavoro alla settimana. Che è di 4 o 8 giorni di lavoro al mese. Molti dipendenti del settore privato hanno visto i loro orari di lavoro e già bassi salari ridotti. Come possono queste persone andare d'accordo senza reddito? Nessuno si preoccupa e nessuno ne parla. Nessun media nazionale né internazionale ne parla. Sussurriamo queste vicende pericolose tra di noi. In silenzio. Perché ci si vergogna. .

Altri, afflitti dalla disoccupazione di lunga durata e senza la prospettiva di ottenere un lavoro o anche una pensione, si sentivano obbligati a vendere la loro casa. Questo non è possibile sotto il controllo dei capitali. L'importo di vendita rimane in banca e può anche cadere vittima di tagli "haircut" entro la fine dell'anno. Un altro amico che ha bisogno di vendere il suo secondo appartamento – ricevuto in eredità - in modo da avere i soldi per vivere, non può più nemmeno vendere. Dieci anni fa, l'appartamento valeva 130.000 €. Ora, per 45,000-50,000 euro nessuno si è presentato per una proposta.

Con il nuovo aumento delle tasse, la quantità di soldi necessaria per i nostri prodotti alimentari di base settimanale aumenterà di 15-20 euro. "Solo 15 €?" Si penserà. Nella Grecia di chi ha bollette arretrate e bambini da pagare sono cifre importanti. E le Fatture rimarranno non pagate: mangiare o morire, voi che scegliereste?

Negli ospedali e sanità pubblica la situazione è sempre peggiore. La carenza di medici, di infermieri, di personale amministrativo, di materiale è a livelli non più definibile. Nel turno di notte un infermiere deve gestire 40-50 pazienti. I pazienti che hanno bisogno di cure la sera devono assumere un infermiere privato per 8,5 € l'ora, € 55 per sei ore e mezza. E 'questa la competitività di cui la troika ha sempre parlato? 

Una coppia di pensionati con una moglie costretta a letto per demenza, malati entrambi, sono stati costretti ad entrare ed uscire dagli ospedali negli ultimi cinque mesi. La donna ha bisogno di cure 24/7, ma non possono permettersi né un badante o meglio ancora una casa di cura per anziani. I loro ultimi risparmi sono stati spesi per gli infermieri privati ​​quando la donna è stata ricoverata. L'uomo era in stato di shock e sgomento quando ha saputo che entrambi avranno 20 euro in meno a causa degli aumenti dei contributi di assistenza sanitaria. L'uomo era in un tale shock che ha dimenticato di andare a ritirare la pensione.

E poi, ho questa sensazione maledetta che vivo in un altro pianeta, in un universo lontano. E voglio restare lì per sempre. In una bolla. Lontano da tutto questo, lontano da una Grecia, dove la metà della popolazione muore di fame ed è sotto la soglia di sopravvivenza e l'altra metà vive di truffe, evasioni fiscali e registratori di cassa falsi. Lontano da accordi di austerità, richieste della Troika e l'odioso "Mnimonia" (Memorandum) che ha distrutto il sistema pubblico del paese. Lontano da tutto questo.
Posta un commento

Facebook Seguimi