04 agosto 2015

Gli Stati Uniti sono una oligarchia con un corruzione politica senza limiti. Jimmy Carter

Gli Stati Uniti sono una oligarchia con un corruzione politica senza limiti. Jimmy Carter

"Siamo davanti ad una sovversione completa del nostro sistema politico"

Il 28 luglio, Thom Hartmann ha intervistato l'ex presidente americano Jimmy Carter, e, alla fine del suo show, gli ha chiesto la sua opinione sulle decisioni della Corte Suprema sul finanziamento delle campagne elettorali, la Citizens United e la McCutcheon.

Carter ha risposto: "Viola l'essenza di ciò che ha reso l'America un grande paese nel suo sistema politico. Ora è solo una oligarchia, con un'illimitata corruzione politica, che è l'essenza per ottenere le nomination per il presidente o per eleggere il presidente. E la stessa cosa vale per i governatori e i senatori statunitensi e i membri del Congresso. Così ora abbiamo davanti una sovversione completa del nostro sistema politicocome un vantaggio per i maggiori contribuenti, che vogliono e si aspettano e talvolta ottengono favori per se stessi dopo oltre delle elezioni. ...

I politici in carica, democratici e repubblicani, considerano la capacità economica illimitata del denaro in politica come un grande vantaggio solo per se stessi. Chi è già al Congresso ha molto più da vendere rispetto a uno sfidante appassionato".

 


Da uno studio – “Testing Theories of American Politics: Elites, Interest Groups, and Average Citizens” - condotto nel 2014 da Martin Gilens della Princeton University e Benjamin I. Page della Northwestern University era già emerso che gli Stati Uniti non sono una democrazia, ma un’oligarchia.

“Nonostante l'apparente forte supporto empirico in precedenti studi per le teorie della democrazia maggioritaria, le nostre analisi suggeriscono che la maggioranza del pubblico americano in realtà ha poca influenza sulle politiche che il nostro governo adotta. Gli americani godono di molte caratteristiche centrali per una governance democratica, quali elezioni regolari, la libertà di parola e di associazione. Ma noi crediamo che se le politiche continueranno ad essere dominate da potenti organizzazioni imprenditoriali e un piccolo numero di ricchi americani, la democraticità della società americana è gravemente minacciata”.

L’indagine prende in esame le politiche americane adottate dal 1981 al 2002 e si può solo immaginare come le cose siano peggiorate dopo la crisi finanziaria del 2008. Dallo studio è emerso che anche quando l'80% della popolazione era favorevole ad una particolare politica, questa indicazione è stata seguita solo il 43% delle volte. Questo trend è stato evidente nel caso del piano di salvataggio delle banche nel 2008, appoggiato solo dal 23% per cento degli americani, e che ha avuto luogo ugualmente.

L’analisi indica che le élite economiche e i gruppi organizzati che rappresentano gli interessi commerciali hanno un impatto sostanziale sulla politica del governo degli Stati Uniti, mentre i cittadini medi e i gruppi di interesse di massa hanno poca o nessuna influenza sulle decisioni politiche. Le prove indicano chiaramente che la maggior parte dei gruppi di interesse americani e i lobbisti rappresentano imprese commerciali o professionisti. Pochi sono i gruppi che rappresentano i poveri o anche gli interessi economici dei lavoratori comuni, soprattutto ora che il movimento operaio degli Stati Uniti si è notevolmente indebolito.

I risultati del rapporto evidenziano l’esistenza di tre "volti del potere” e si concentrano soprattutto sui primi due. Il primo volto è la capacità degli attori di modellare i risultati delle politiche su questioni controverse, il "secondo volto" del potere è la capacità di modellare l'agenda delle questioni che i politici considerano. I risultati parlano meno chiaramente al "terzo volto" del potere: la capacità delle élite di plasmare le preferenze del pubblico. Sappiamo che i gruppi d'interesse e gli stessi responsabili politici spesso dedicano notevoli sforzi a plasmare l'opinione pubblica. 

Il rapporto contiene “preoccupanti notizie per i sostenitori della democrazia "populista", che vogliono che i governi rispondano principalmente o esclusivamente alle preferenze politiche dei cittadini”. Negli Stati Uniti, i risultati dell’analisi indicano, che la maggioranza non governa - almeno non nel senso del determinare i risultati delle politiche. Quando la maggioranza dei cittadini non è d'accordo con le élite economiche e / o con gli interessi organizzati, generalmente perde. Inoltre, a causa della forte polarizzazione del sistema politico degli Stati Uniti, anche se una grande maggioranza di americani si dice favorevole ad un cambiamento di politica, in genere non lo ottiene.
Posta un commento

Facebook Seguimi