30 luglio 2015

Washington volta le spalle ai principali nemici dell'ISIS

Washington volta le spalle ai principali nemici dell'ISIS

Ankara sta utilizzando i raid contro l'ISIS come scusa per rinnovare la sua repressione contro i curdi

Alcuni dei combattenti di maggior successo contro lo Stato islamico vengono isolati e attaccati dal nuovo alleato preferito dell'America nella regione, la Turchia.

Le milizie curde stanno raggiungendo gli obiettivi dichiarati dell'amministrazione Obama - "degradare e distruggere" l'ISIS - altrettanto bene o meglio di qualsiasi altra forza di combattimento. Da Kobane alla recente liberazione di Tel Abyad , le milizie curde hanno vinto battaglie duramente combattute contro i miliziani dell'ISIS in Siria, evitando l'avanzata del gruppo nel nord dell'Iraq, spiega Lee Fang su The Intercept.

Cosa c'è di più, i curdi nel nord della Siria, hanno stabilito un ordine politico come pochi altri in questa regione del mondo. Conosciute come Rojava, le zone curde controllate della Siria sono disciplinate attraverso forum decisionali partecipativi che includono consigli composti da donne, cristiani, yazidi e musulmani. 

Ma questi guadagni sono ora messi in pericolo dalla Turchia, che ha una lunga storia di ostilità verso l'etnia curda e temendo la possibilità di uno stato curdo a sud, nel nord della Siria o in Iraq, flette i suoi muscoli politici a Washington e fa uso della sua potenza militare in Medio Oriente.

Dietro le quinte, i lobbisti americani ingaggiati dalla Turchia hanno iniziato a lavorare per bloccare l'assistenza militare ai combattenti curdi già dallo scorso anno.

Il governo turco ha ora messo due importanti basi aeree a disposizione delle forze Usa e ha iniziato i propri attacchi aerei contro l'ISIS. Ma questa mossa è uno specchietto per le allodole dal momento che l'obiettivo principale della Turchia sembra essere una nuova offensiva contro i militanti curdi. 

In contemporanea con il suo annuncio circa l'accesso Usa alle sue basi aeree, il governo turco ha rotto la sua tregua con i militanti curdi. Durante la scorsa settimana, l'esercito turco ha cominciato ad attaccare le basi curde in Iraq e in Siria. Il governo turco sostiene che la sua campagna è semplicemente una risposta ad un attacco da parte del PKK, un gruppo separatista, e ha sottolineato che sta anche colpendo ISIS.

Venerdì scorso, la Turchia ha compiuto una serie di arresti di massa. Anche se alcuni sostenitori dell'ISIS sono stati arrestati, la "stragrande maggioranza" degli arrestati, secondo la stampa locale, erano simpatizzanti di movimenti comunisti e di sinistra turchi e curdi. E martedì, il presidente turco Recep Tayyip Erdogan, ha chiesto che venga tolta l'immunità ai deputati dell'HDP, un partito politico curdo di sinistra che ha ottenuto seggi in parlamento per la prima volta il mese scorso.

La Turchia ha intenzione di utilizzare maggiori attacchi aerei per creare una " zona di sicurezza" per le milizie arabe sunnite, che, come il New York Times ha notato, sarebbe a scapito di combattenti curdi.

Invece di condannare gli attacchi contro i curdi, l'amministrazione Obama ha elogiato il governo della Turchia per aver concesso la sua base aerea.
Posta un commento

Facebook Seguimi