22 luglio 2015

Tsipras avrebbe chiesto alla Russia 10 miliardi di dollari per stampare le dracme

Tsipras avrebbe chiesto alla Russia 10 miliardi di dollari per stampare le dracme

La ricostruzione del quotidiano ellenico 'To Vima'

Il primo ministro greco Alexis Tsipras avrebbe chiesto al presidente russo Vladimir Putin 10 miliardi di dollari per stampare dracme, secondo quanto riporta il quotidiano "To Vima"

Il quotidiano cita Tsipras dire nella sua ultima intervista principale all'emittente nazionale greca ERT che "affinché un paese possa stampare la propria valuta nazionale, ha bisogno di riserve in valuta forte"

La risposta di Mosca è stata una menzione vaga di un anticipo di 5 miliardi di dollari sulla costruzione del nuovo gasdotto che passerà attraverso il territorio della Grecia. Tsipras avrebbe inviato le richieste di prestito simili a Cina e l'Iran, ma senza alcun risultato, dice il rapporto.

L'idea di introdurre una nuova moneta nazionale è stato esaminata da tecnocrati e dei lavoratori greci ministero delle Finanze, che hanno studiato il modello della secessione della Slovacchia dalla Cecoslovacchia all'inizio del 1993 e l'introduzione della corona slovacca, ricostruisce To Vima

Tsipras stava progettando il ritorno alla dracma dall'inizio del 2015 e contava sull'aiuto della Russia per raggiungere questo obiettivo. Secondo il quotidiano Panos Kammenos, Yiannis Dragasakis, Yanis Varoufakis, Nikos Pappas, Panagiotis Lafazanis e gli altri membri chiave della coalizione erano a conoscenza del suo piano.

Nella sua prima visita a Mosca, Tsipras ha condannato la politica dell'Unione europea in Ucraina e ha sostenuto il referendum nell'Ucraina dell'est. Fu allora che la Germania ha realizzato la Grecia era disposta ad un cambio di alleanze, cosa che avrebbe messo a rischio la coesione dell'Eurozona. Tsipras sperava che la Germania avrebbe fatto un passo indietro sotto quella minaccia e offerto alla Grecia un generoso taglio del debito. A quel tempo, Tsipras era convinto di poter cambiare l'Europa, prosegue il quotidiano greco

Il referendum 5 luglio è stato un banco di prova per Tsipras per vedere che cosa il popolo greco pensava dell'Europa e dell'Eurozona. Tuttavia, la notte del referendum, pare che Putin non abbia voluto sostenere il ritorno della Grecia alla dracma. Ciò è stato confermato nei giorni seguenti. Dopo di che, Tsipras non ha avuto altra scelta che "consegnarsi" al cancelliere tedesco Angela Merkel e firmare il terzo pacchetto di salvataggio.

Il rapporto ha creato scalpore e ha portato 17 parlamentari di Nuova Democrazia ad inviare una lettera a Tsipras, chiedendo se le notizie hanno un fondamento. 

In altre parole, scrive il blog Zerohedge, è stato un rifiuto all'ultimo minuto di Putin che ha portato alla capitolazione del governo greco, e all'espulsione di Varoufakis che certamente era l'ideatore di questo piano. E ciò significa anche che la Merkel ha improvvisamente un debito enorme di gratitudine da pagare a Vladimir Putin, il cui tradimento dei "marxisti" greci è ciò che ha permesso all'Eurozona di continuare nella sua forma attuale. La domanda allora è ciò che Putin ha chiesto in cambio per far capitolare il governo greco (e consegnare il suo patrimonio), il cui destino era nelle mani della ex spia del KGB. 

Se confermata, la versione di To Vima, assisteremmo prima di tutto ad uno uno scisma crescente tra l'Europa e gli Stati Uniti (che attraverso il FMI stanno insistendo con la Merkel per un taglio del debito greco, per non parlare di un intervento piuttosto diretto di Jack Lew nei negoziati sul salvataggio della Grecia) e ad un avvicinamento amichevole tra Berlino (e Bruxelles) e Mosca.

Il più grande perdente in questo gioco di realpolitik , ancora una volta, è il popolo greco.
Posta un commento

Facebook Seguimi