08 luglio 2015

Le vittime civili nello Yemen saranno ignorate perché ad essere responsabili sono gli Usa e i loro alleati

Le vittime civili nello Yemen saranno ignorate perché ad essere responsabili sono gli Usa e i loro alleati

Più di 40 persone sono state uccise ieri in un raid aereo nel sud dello Yemen che ha colpito un mercato di bestiame

A Fayoush, a sud del porto di Aden, Yemen, ieri mattina, "un attacco aereo massiccio" ha colpito un mercato e ha ucciso almeno 45 civili, ferendone altri 50. Il bombardamento è stato effettuato da quella che è generalmente indicata come "coalizione guidata dall'Arabia Saudita"; è raramente menzionato nei rapporti dei media occidentali che gli Stati Uniti stanno fornendo notevole sostegno a questa guerra "saudita" in Yemen, giunta al suo quinto mese, che ha più volte ucciso civili yemeniti, denuncia su The Intercept Glann Greenwald.

Dal momento che queste morti di innocenti sono responsabilità del governo degli Stati Uniti e dei suoi alleati dispotici, è molto prevedibile come saranno trattati. Nessuna delle vittime sarà menzionata nei media americani; sarà molto sorprendente se uno dei loro nomi sarà menzionato. Nessun grande canale televisivo americano intervisterà le loro famiglie in lutto. Gli americani non potranno mai conoscere le loro aspirazioni di vita ormai spazzate via, o i bambini trasformati in orfani, o i genitori che ora seppelliscono i loro bambini. Non ci sarà nessun #FayoushStrong di tendenza negli Stati Uniti, sarà come non fosse mai accaduto: beata ignoranza.

Questo è il modello che si ripete più e più volte. Basta vedere il silenzio dei media quando il Presidente Obama, settimane dopo aver vinto il Premio Nobel per la Pace, ha ordinato un attacco in Yemen che è costato la vita di 35 donne e bambini.

Tutto questo sta nel più brutale contrasto con l'estrema attenzione alla vittima ogni volta che un americano o un occidentale viene ucciso da un musulmano. In effetti, gli americani hanno appena trascorso l'ultima settimana inondati da "avvertimenti" melodrammatici da parte del governo degli Stati Uniti - amplificati come sempre dai media - sulle minacce provenienti dall'ISIS per il 4 luglio: una "minaccia", che, come al solito, si è rivelata inesistente

Questo squilibrio dei media è uno strumento di propaganda vitale, spiega Greenwald. Nei media statunitensi, gli americani sono sempre le vittime della violenza e del terrorismo, sempre minacciati dai selvaggi musulmani violenti, sempre presi di mira per nessun altro motivo che non la primitiva barbarie islamica. Questa mitologia è sostenuta dalla letterale sparizione delle vittime causate dagli americani, facendo finta che non esistano, negando la loro importanza attraverso l'invocazione casuale dei luoghi comuni a cui siamo stati addestrati ( danni collaterali ) e, cosa più importante di tutte, senza mai umanizzare le vittime.

Questo è il modo americano, occidentale, di auto-percepirsi come una vittima perpetua del terrorismo, ma in nessun caso l'autore. Mentre queste morti saranno nascoste al pubblico americano, le persone in quella parte del mondo sentiranno molto su di loro: così come gli americani non hanno sentito quasi nulla del giornalista di Al Jazeera in carcere per anni a Guantanamo senza accuse , Sami al-Hajj, mentre questa era una cause nota nel mondo musulmano, portando gli americani a credere che solo i cattivi Paesi, ma mai gli Usa, imprigionano i giornalisti.
Posta un commento

Facebook Seguimi