27 luglio 2015

Trapelano nuovi segreti rapporti ideati per un ritorno alla dracma. E Tsipras è sempre più isolato

Trapelano nuovi segreti rapporti ideati per un ritorno alla dracma. E Tsipras è sempre più isolato

"E' facile capire perché molti analisti e commentatori ancora credono che la Grexit sia ancora il risultato più probabile"

La situazione politica in Grecia vive nuove importanti rivelazioni. Venerdì i media greci e il Financial Times hanno riportato dell'incontro segreto tenutosi il 14 aprile all'Hotel Oscar di Atene in cui il Ministro dell'Energia dell'epoca e leader della Piattaforma di sinistra di Syriza Panayotis Lafazanis ha tentato di convincere membri del partito a prendere d'assalto la zecca greca, mettere al sicuro le riserve valutarie del paese, e, se necessario, arrestare il governatore della banca centrale Yannis Stournaras.

Il piano non è mai stato attuato, ma se la storia torna d'attualità dimostra quanto la Grecia abbia vacillato sul bordo di sconvolgimenti sociali nei giorni precedenti la decisione di arrendersi ai creditori da parte di Alexis Tsipras e abbandonare non solo il mandato elettorale di Syriza ma l'esito del referendum di pochi giorni prima.

Ora che Tsipras è riuscito ad ottenere il voto del Parlamento che cede la sovranità del paese a Bruxelles in cambio del diritto di utilizzare l'euro, le storie di quei giorni antecedenti la resa stanno uscendo allo scoperto. Dopo il presunto no del Cremlino a un prestito chiesto da Tsipras per tornare alla dracma, conosciamo oggi una nuova storia ottenuta per gentile concessione di una conference call registrata tra Yanis Varoufakis e "membri di fondi hedge internazionali ripresa da Kathimerini.

In una chiamata in teleconferenza con i membri di hedge fund internazionali, Varoufakis ha affermato di aver avuto l'ok dal Tsipras dicembre scorso - un mese prima delle elezioni generali che hanno portato SYRIZA al potere - di pianificare un sistema di pagamento alternativo che avrebbe potuto operare in euro, ma che sarebbe stato convertibile in dracme se necessario. 

Varoufakis ha lavorato con un piccolo team per preparare il piano, che avrebbe richiesto uno staff di 1.000 persone per essere attuato, ma non ha ottenuto il via libera definitivo da Tsipras a procedere.

La chiamata ha avuto luogo il 16 luglio, una settimana dopo Varoufakis ha lasciato il suo posto come ministro delle finanze. Il piano prevedeva la creazione di un sistema parallelo che avrebbe funzionato se le banche fossero state costrette a chiudere e che avrebbe permesso pagamenti da effettuare tra terzi e lo Stato e avrebbe potuto portare alla creazione di un sistema bancario parallelo, ha dichiarato Varoufakis.

Dato che la segreteria generale è un sistema che è monitorato da parte dei creditori della Grecia ed è quindi di difficile accesso, Varoufakis ha detto che ha assegnato ad un suo amico d'infanzia, un esperto di tecnologia dell'informazione divenuto professore alla Columbia University, il compito di introdursi nel sistema. Una settimana dopo che Varouakis ha assunto il ministero, ha detto che l'amico gli ha telefonato e ha detto di aver sotto "controllo" l'hardware, ma non il software", che faceva parte della troika."

A quanto pare, Varoufakis prevedeva di prendere il controllo dei computer, rubare il codice e progettare il sistema dei pagamenti in parallelo.

Ecco alcuni estratti dalla chiamata, ancora una volta da Kathimerini, citando Varoufakis:

“Avevamo intenzione di creare, di nascosto, conti di riserva allegati ad ogni codice fiscale, senza dirlo a nessuno, solo per avere questo sistema in una funzione sotto gli involucri. E, con il semplice tocco di un pulsante, per permettere di dare codici PIN ai titolari di codice fiscale, per i contribuenti.

"Questo avrebbe creato un sistema bancario parallelo, mentre le banche venivano chiuse a causa dell'azione aggressiva della Bce di negarci un certo respiro.

"il tutto è stato ben sviluppato e penso che avrebbe fatto una grande differenza, perché molto presto avremmo potuto estenderlo, utilizzando applicazioni su smartphone e sarebbe potuto diventare un sistema parallelo funzionante e, naturalmente, questo sarebbe stato denominato in euro, ma poteva essere immediatamente convertito in una nuova Dracma.

"Ma lasciate che vi dica quali difficoltà che ho affrontato. Il Segretario Generale delle Entrate Pubbliche nel mio ministero è controllato completamente e direttamente dalla troika non era sotto il controllo del mio ministero.

Avevo il controllo dei sistemi informativi stata controllata da me, come ministro. Ho nominato un mio buon amico, un mio amico d'infanzia che era diventato professore di informatica presso la Columbia University negli Stati Uniti, e così via. L'ho messo dentro perché mi fidavo di lui per sviluppare questo progetto.

"Ad un certo punto, una settimana dopo ci siamo spostati nel ministero, lui mi chiama e mi dice:?. 'Controllo l'hardware, ma non controllo il software, che appartiene alla troika attraverso il Segretario Generale delle Entrate Pubbliche. Che cosa devo fare? '

"Così abbiamo deciso di creare un programma software del mio ministero in modo da progettare e attuare questo sistema di pagamento parallelo

"E noi eravamo pronti per ottenere il via libera dal primo ministro quando le banche erano chiuse in modo da spostare tutto dal Segretariato Generale delle Entrate Pubbliche, che non è controllato da noi, ma è controllato da Bruxelles, e di collegare questo portatile per applicare il sistema”

In breve, Varoufakis sostiene Tsipras aveva pre-approvato la creazione di conti segreti per ogni contribente fiscale. I greci sarebbero stati a conoscenza dell'esistenza dei conti »nel caso in cui il sistema bancario avesse cessato di funzionare del tutto e ad Atene sarebbe effettivamente facilitare pagamenti attraverso il nuovo sistema a dispetto della zona euro. Chiaramente, questo non sarebbe stato ben accolto da Bruxelles - in particolare la punta di hacking loro software - ma alla fine, perché il nuovo sistema sarebbe interamente controllata dal Ministero delle Finanze Varoufakis ', sarebbe stato convertito alla dracma immediatamente.

Kathimerini prosegue la citazione di Varoufakis in merito alla strategia di Wolfgang Schaeuble:

"Schaeuble ha un piano. Il modo con cui me l'ha descritto è molto semplice. Egli ritiene che la zona euro non è sostenibile in quanto è. Egli ritiene ci deve essere alcuni trasferimenti fiscali, un certo grado di unione politica. Egli ritiene che per quella unione politica di lavorare senza la federazione, senza la legittimità che un parlamento federale correttamente eletto può rendere, in grado di conferire a un dirigente, dovrà essere fatto in un modo molto disciplinare. Ed egli disse esplicitamente a me che una Grexit serve per dotarlo del livello di contrattazione sufficiente per potere terrorizzare i francesi a fare quello che Parigi non vuole fare, vale a dire trasferire poteri decisionali sul bilancio da Parigi a Bruxelles"

Le nuove rivelazioni sollevano gravi preoccupazioni per Alexis Tsipras. Le profonde divisioni all'interno Syriza sono ormai ben note, ma i rapporti di piani segreti per istituire sistemi bancari paralleli che utilizzano gli ID filer fiscali "e l'idea che elementi all'interno del partito di governo venissero tracciati per appropriarsi di miliardi in riserve valutarie e prendere il controllo della banca centrale rendono difficile immaginare un governo di coalizione con le forze d'opposizione che hanno permesso il via libera al nuovo Memorandum.

Tsipras potrebbe presto perdere l'appoggio da tutti gli schieramenti del Parlamento e per questo, conclude Zero Hedge, è facile capire perché molti analisti e commentatori ancora credono che la Grexit - e tutto ciò che questo comporta per la Grecia e per la zona euro - sia ancora il risultato più probabile.
Posta un commento

Facebook Seguimi