27 luglio 2015

La Nuova Banca di Sviluppo dei Brics emetterà il primo prestito in yuan

La Nuova Banca di Sviluppo dei Brics emetterà il primo prestito in yuan

La NDB lavorerà a stretto contatto con l'AIIB. Il presidente Kundapur Vaman Kamath

Due argomenti di fondamentale importanza per una conoscenza approfondita sia della finanza globale che del cambiamento geopolitco in atto sono la morte del petrodollari e l'idea di un'egemonia dello yuan. 

Alla fine del petrodollaro, secondo Goldman, hanno contribuito più fattori: la geopolitica russa, le azioni della stessa Fed, con la sua politica del dollaro forte, in misura minore l’Arabia Saudita, che inondando il mondo greggio, inizialmente per danneggiare Putin, potrebbe aver finito per danneggiare se stessa e il suo socio, gli Stati Uniti di America. 

Da qui l'ascesa dello yuan, con la Cina che insiste su tre progetti fondamentali: la Nuova Via della Seta, la Banca d'investimento per le infrastrutture asiatiche, l'AIIB e la Nuova Banca di Sviluppo dei BRICS. Queste tre iniziative rappresenta qualcosa di più di un nuovo strumento di politica estera per Pechino per cementare il suo status di potenza regionale egemone. 

L'importanza di queste iniziative risiede nella misura in cui esse comporteranno un allontanamento dalle istituzioni multilaterali che hanno dominato l'ordine economico mondiale del dopoguerra. In breve, si tratta di una risposta non solo al fallimento del FMI nel garantire alle importanti economie emergenti del mondo la rappresentanza commisurata al loro peso economico, ma anche alle carenze percepite del FMI e dell'ADB. 

Il ruolo di queste nuove istituzioni per aiutare lo yuan a sostituire il dollaro come valuta di riserva del mondo (cosa che molti ancora sostengono essere una proposta assurda, nonostante tutte le prove confermino il contrario) è stato chiarito quando, nel mese di aprile, anche se Pechino ha cercato di sdrammatizzare il grado in cui le imprese serviranno a contribuire a creare un nuovo ordine economico mondiale con la Cina al timone, si è diffusa la notizia che "la Cina ha intenzione di promuovere lo yuan nei prestiti nell'ambito dell'AIIB e del Fondo della Via della Seta. La Cina potrebbe incoraggiare l'AIIB e il Fondo a contrarre prestiti direttamente in yuan" e che "l'AIIB stabilirà un paniere di valute con la Cina che spingerà affinchè lo yuan assuma un ruolo di primo piano". 

Ora che l'AIIB e la banca BRICS sono state ufficialmente lanciate, e prevedono di iniziare le operazioni a breve, sembra che non solo lo yuan svolgerà un ruolo chiave in entrambe le istituzioni, ma in realtà, le due banche di sviluppo potrebbero fondersi.

The BRICS Post riporta che la Nuova Banca di Sviluppo dei Paesi Brics emetterà il suo primo prestito, nell'aprile 2016, non in dollari ma in yuan. 

La nuova Banca di sviluppo BRICS nominerà il suo primo investimento nel mese di aprile del prossimo anno e il primo prestito sarà emesso in yuan non in dollari, alti funzionari hanno confermato. 

Il primo presidente della Banca, Kundapur Vaman Kamath ha detto a Shanghai che la NDB lavorerà a stretto contatto con l'AIIB

E questa è la vostra de-dollarizzazione del giorno. Mentre il Fondo monetario internazionale (e, per estensione, Washington) battibecca con Berlino su cosa è andato storto con la Grecia nei prime due salvataggi e se un terzo è fattibile senza svalutazioni massicce o no, le nuove istituzioni multilaterali del mondo sono occupate a concedere prestiti in yuan.

"E' difficile dire a questo punto se l'AIIB avrà un impatto negativo o positivo sull'economia globale. Come minimo, però, credo che la nascita di un'istituzione internazionale con un punto di vista diverso da quello dei creditori occidentali aiuterà a migliorare la qualità del dibattito su problemi di indebitamento delle economie emergenti", Richard Koo di Nomura.
Posta un commento

Facebook Seguimi