21 luglio 2015

Italia: i numeri-monstre della crisi bancaria latente

Italia: i numeri-monstre della crisi bancaria latente
Il sistema bancario italiano affonda in un mare di crediti inesigibili. Siamo alla viglilia della più grande socializzazione delle perdite della storia?

– di Giuseppe Masala -

Mentre tutto il mondo guarda alle drammatiche vicende greche in Italia si consuma – nel silenzio generale – undramma economico altrettanto grave e che potrebbe avere ripercussioni sociali altrettanto drammatiche: la crisi del sistema bancario. Probabilmente fino ad ora questa crisi latente non è esplosa nella sua virulenza solo grazie al Quantitative Easing della BCE che concede alle banche notevole liquidità.

A leggere i rapporti dell’Associazione Bancaria Italiana però non vi è alcun dubbio: il sistema bancario italiano affonda in un mare di crediti inesigibili. A leggere gli ultimi dati resi pubblici – risalenti a maggio 2015 – i crediti inesigibili ammontano alla cifra stratosferica di 194 miliardi e 700 milioni di euro, con una crescita rispetto allo stesso mese del 2014 di oltre 25 miliardi.

Come fa notare il sito di informazione finanziaria Zerohedge se ai crediti in sofferenza venissero aggiunti anche i crediti incagliati, quelli con pagamenti in ritardo inferiori ai 90 giorni e quelli ristrutturati (cioè venduti a sconto a società specializzate nel recupero) è molto probabile che il famoso aggregato che gli anglosassoni chiamano NPL (Non Performing Loans) abbia superato la stratosferica cifra di 300 miliardi di euro.
E’ evidente che di fronte a simili cifre – pari a quasi un quinto di tutto il Prodotto Interno Lordo italiano – il governo si stia muovendo con urgenza (ma anche con molta discrezione) per costituire la famosa Bad Bank dove smaltire questa valanga di crediti in sofferenza. A tale proposito Il Sole 24 Ore ci informa che il ministro Padoan si è recato a Bruxelles per trattare con i commissari europei sulla costituzione di questo veicolo. Sempre ilSole informa che esso sarà a totale carico pubblico e quindi i rischi di perdite ricadranno sull’Erario già stressato da un debito pubblico in ascesa esponenziale (siamo ormai a 2218 miliardi di euro).

Per il momento zeroconsensus non si esprime sulla possibile soluzione ipotizzata che rappresenterebbe la più grande socializzazione delle perdite della storia d’Italia. Meglio attendere gli eventi e limitarsi a sottolineare la gravità della situazione.

Come se non bastasse, la “linea della palma” (per dirla con Leonardo Sciascia) dei fallimenti e semifallimenti bancari continua a spostarsi sempre di più verso nord.

Le ultime situazioni problematiche sono quelle relative a:
1) Banca Marche, le cui condizioni sono talmente disperate che manco il commissariamento della Banca d’Italia sembra aver dato buoni frutti e ormai, per evitare la liquidazione coatta, si parla apertamente di un intervento del Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi.
2) La Cassa di Risparmio di Bolzano (Sparkasse) ha subito nel 2014 perdite per 200 milioni di euro (su 470 milioni di capitale) a causa dei crediti inesigibili. Per ripianare la precaria condizione gli azionisti vedranno tagliato il valore delle proprie azioni e saranno chiamati ad un corposo aumento di capitale: un vero e proprio bail-in all’italiana ma con accento altoatesino.

La verità è che se il mare greco segna burrasca quello italiano non è meno pericoloso, anche se tutti fanno finta di nulla.

Posta un commento

Facebook Seguimi