23 luglio 2015

Disoccupazione, debito pubblico e immigrazione: Europa sull'orlo dello sconvolgimento sociale

Disoccupazione, debito pubblico e immigrazione: Europa sull'orlo dello sconvolgimento sociale

Il risentimento e la frustrazione per la disoccupazione, il debito pubblico e l'immigrazione si stanno diffondendo tra i giovani europei. Una risposta alla situazione è l'emergenza e la crescente accettazione dei partiti di estrema destra, un fenomeno che può far aumentare i conflitti in Europa.

Già nel 2013 Zero Hedge ha avvertito che questa tendenza potrebbe portare a disordini sociali in alcuni paesi dell'UE. Secondo previsioni diverse, il sito Vesti.ru riporta ora che la crisi che si sta intensificando potrebbe portare a gravi disordini sociali e anche alla guerra.

Un'analisi statistica delle circostanze che hanno portato tutti i grandi sconvolgimenti sociali tra il 1919 e il 2008 (come le grandi manifestazioni, rivolte, attentati, crisi di governo, rivolte e tentativi di rivoluzioni) ha rivelato una correlazione diretta tra i tagli alla spesa pubblica e l'instabilità politica .

Quando questi tagli aumento, avviene in media 1,4 conflitto per paese in un anno. Basta tagliare l'1% del prodotto interno lordo e il tasso sale a 1,8. Quanto maggiore è l'austerità, più alterazioni si producono nell'ordine sociale. Un taglio di 5% del PIL provoca un minimo di tre conflitti l'anno.




La persistenza di austerità in Europa promette disturbi al di là delle marce di protesta. Prima di tutto si riferisce a paesi come la Spagna e la Grecia, dove il settore più attivo della società - i giovani - sono i più colpiti dalla disoccupazione e sono anche indignati per la politica inefficace sulll'immigrazione.
Posta un commento

Facebook Seguimi