29 luglio 2015

185 miliardi di ragioni che hanno spinto gli Stati Uniti verso un accordo nucleare con l'Iran

185 miliardi di ragioni che hanno spinto gli Stati Uniti verso un accordo nucleare con l'Iran

L'Iran ha già individuato 50 progetti di oil&gas

In molti si sono interrogati sul perché il presidente Obama fosse così ansioso di concludere un accordo nucleare con l'Iran - a quanto pare quasi senza concessioni reali - a fronte della diffidenza di alleati interni e stranieri.

OilPrice.com spiega che il vice ministro del petrolio iraniano per il commercio e gli affari internazionali, Hossein Zamaninia, ha detto a Reuters che il paese ha già individuato 50 progetti di oil&gas, con il governo che fissa il valore di queste attività a 185 miliardi di dollari. 


Importanti novità della scorsa settimana da un luogo che sta rapidamente diventando il centro del mondo per i progetti di petrolio e di gas.

Questo è l'Iran. Dove i funzionari del governo hanno detto che sono in procinto di rivoluzionare il settore petrolifero del paese. Che potrebbe fornire grandi opportunità di profitto per gli investitori stranieri.

Il vice ministro del petrolio iraniano per il commercio e gli affari internazionali, Hossein Zamaninia, ha detto a Reuters che il Paese ha già individuato 50 progetti di oil&gas che offrirà all'asta. Il valore di queste attività è stimato a 185 miliardi di dollari

Zamaninia ha aggiunto che il governo prevede di offrire tutti i blocchi nei prossimi cinque anni.

Forse ancora più importante, i funzionari iraniani dicono di aver progettato una nuova formulta contrattuale per gli investitori internazionali: il "contratto petrolifero integrato" o IPC.

I funzionari hanno detto che il IPC durerà per un periodo di 20-25 anni. Un sostanziale miglioramento rispetto ai più datati, contratti a breve termine - che sono stati un importante punto d'inciampo per le compagnie petrolifere e del gas del mondo.

Il Vice Ministro Zamaninia ha detto che tutti i dettagli sui nuovi contratti saranno annunciati entro i prossimi due o tre mesi. Insieme con le specifiche sui campi offerti dal governo.

Naturalmente, tutto questo si basa sul revoca delle sanzioni occidentali contro l'Iran - che non è ancora una certezza. Ma se e quando il paese si aprirà agli investimenti, sembra che ci saranno premi sostanziali per i vincitori. 

* * *

Miliardi di dollari per le aziende che i lobbisti rappresentano possono essere una motivazione più che valida per fare un patto con il diavolo...
Posta un commento

Facebook Seguimi