17 ottobre 2017

LA TERRA: MAI LA MERCE SFAMERA' L'UOMO

La terra, il denaro e il capitale MAI LA MERCE SFAMERA' L'UOMO.

Stabilire la causa e le leggi dell'appropriazione di lavoro altrui, del rapporto sociale per cui determinati uomini e aggruppamenti di uomini nelle successive società storiche prestano la loro opera e lavorano, mentre vi sono altri uomini e altri gruppi che vivono non prestando lavoro e consumando in vari modi ciò che non hanno prodotto. A tanto si riducono le ricerche sulla rendita, sull'interesse e sul profitto che non sono che momenti e aspetti storici di quel lavoro prelevato da uomini a carico di altri uomini, ossia del sopralavoro, ed infine modernamente sono dimostrate parti in cui si suddivide il plusvalore.

Redazione: enzo

Crolla la qualità della vita: colpa di Monti e Fornero

Qualità della vita in Italia? Collata inesorabilmente. E il declino parte dal 2011, quando la crisi economica ha investito l'Europa e i mercati hanno sferrato il loro attacco all'Italia. In seguito a quei momenti (economicamente) drammatici, con il timore che lo spread potesse mandare gambe all'aria il Belpaese, arrivarono le dimissioni del governo Berlusconi e la decisione di Giorgio Napolitano di affidare la guida del Paese a Mario Monti. Scelta azzeccata? Per nulla. I dati emersi dallo studio realizzato da Tecnè e dalla Fondazione Giuseppe Di Vittorio dimostrano che proprio l'esperienza del governo tecnico e soprattutto la legge Fornerohanno determinato il crollo della soddisfazione dei cittadini per la qualità della vita in Italia.

Le cifre sono chiare e non lasciano spazio all'immaginazione. Dato come 100 l'indice di soddisfazione per la qualità della vita nel 2015, nel 2010 l'indice era 119. Poi è iniziato il crollo. Nel 2011 l'indice era di 117, poi nel 2012 è sceso a 102. Il calo di soddisfazione non ha ancora fermato la sua corsa. Enrico Letta e Matteo Renzi non sono riusciti a risollevarlo, nonostante gli annunci dell'attuale premier. L'indice, infatti, nel 2014 scende ancora a 102. Non bastano infatti gli annunci per far creadere agli italiani di stare bene. Non bastano nemmeno 80 euro in busta paga. I numeri dello studio sull'insoddisfazione degli italiani sono la cartina di tornasole delle reali condizioni del Paese al di là delle parole del premier.

Andando oltre, lo studio mette tra le cause dell'insoddisfazione anche il divario enorme tra Nord e Sud Italia. "All'Italia - si legge nello studio - occorre un salto di qualità che vada non solo nella direzione di un recupero di fiducia ma soprattutto in un progetto che punti a colmare i gravi ritardi tra nord e mezzogiorno. E' inimmaginabile pensare di recuperare il terreno perduto con la crisi e competere con le economie europee più avanzate se permangono differenze così forti nelle varie aree del Paese, differenze che si riflettono inevitabilmente nella velocità di risalita e che espongono a crisi cicliche e a un progressivo degrado economico delle aree più povere".

Se nel 2015 l'indice di soddisfazione per la qualità della vita personale è stato pari a 112 nel nordest e a 109 nel nordovest, mentre l'indice indice registrato a Sud è di 85 e 87 nelle isole. Anche il reddito delle famiglie povere si concentra la Sud. Più attive sopra il Po le imprese innovatrici, mentre per quanto riguarda la struttura culturale prevale il centro Italia. Dati a vantaggio del Nordest anche per quanto riguarda i serrvizi sociali e il sistema sanitario. In questo campo il Sud e le Isole non raggiungono nemmeno la media nazionale.

Nel complesso l'indice della qualità dello sviluppo, utilizzando come base di confronto la media nazionale pari a 100, colloca il nordest al primo posto con 111 punti, seguito dal nordovest (107), dal centro (103), mentre il sud e le isole si fermano molto più in basso, a 87 punti. E mentre crisi economica, governo Monti e legge Fornero hanno affossato il Paese, Matteo Renzi fa finta di nulla. Difficilmente inserirà questi dati nella prossima slide.

15 ottobre 2017

Sì al referendum in Lombardia


Il M5S si è battuto per coinvolgere i cittadini su una possibilità prevista dalla Costituzione: permettere a Lombardia e Veneto di gestire “in casa” molte delle risorse che ora è lo Stato a decidere come spendere. Altro che Padania e le bugie che i governi leghisti hanno raccontato per vent’anni ai cittadini. Nell’attuale legislatura i Consigli Regionali delle due regioni hanno votato la nostra proposta e dato il via alla consultazione in programma il prossimo 22 ottobre, con le rispettive maggioranze leghiste costrette ad abbandonare definitivamente utopie indipendentiste totalmente incostituzionali come lo Satuto Speciale o la gestione del Residuo Fiscale, nonostante la Lega continui a usarle come leve elettorali per promuovere questo referendum. La soluzione del M5S è democratica, costituzionale e non toglie risorse alle altre regioni. Questo referendum affronta il tema del “Regionalismo differenziato”, trattato nell’articolo 116 della Costituzione italiana, ovvero la possibilità di gestire direttamente le risorse che lo Stato già spende in trasferimenti e servizi per le Regioni. Risorse legate a determinate materie che, in caso di esito referendario positivo, saranno oggetto di una trattativa tra Regioni e Stato. Parliamo di competenze molto importanti come il sostegno alle imprese, la ricerca e l’innovazione, l’ambiente, l’istruzione, la valorizzazione dei beni culturali, e il governo del territorio, che avvicinate verso il basso e verso i territori troverebbero maggiore efficacia. Dare voce ai cittadini è una prerogativa di questo Movimento, tanto più su un tema così importante, tanto più se in passato le stesse regioni hanno provato ad aprire una trattativa ricevendo solo porte in faccia anche dal Governo a guida PD che tentò, con la riforma costituzionale, affossata dagli italiani il 4 dicembre, di togliere alle regioni anche molte delle attuali competenze, per non parlare della “clausola di supremazia” che avrebbe permesso allo Stato di passare sopra qualsiasi decisione locale. Il M5S vuole salvaguardare le specificità e le esigenze di ogni territorio “nel quadro dell’unità nazionale”, esattamente come richiede questo referendum. Siamo un popolo unito, senza bandiere politiche ed ideologiche che fa valere e sentire la propria voce con un referendum consultivo, come successo in Gran Bretagna sul tema Brexit. Abbiamo sempre denunciato e combattuto lo spreco di risorse pubbliche anche degli enti locali, ma per il M5S la strada da percorrere non è l’accentramento, ma portare le risorse pubbliche il più vicino possibile ai cittadini. Da qui, da questa responsabilizzazione delle comunità, passa il miglioramento delle strutture pubbliche locali che in mano ai partiti si sono trasformate troppo spesso in mangiatoie. I soldi spesi per interpellare i cittadini non sono mai uno spreco, soprattutto davanti ai 360 milioni di euro bruciati da Stato e Regione Lombardia per sostenere la vuota BreBeMi, i 300 milioni della Regione Veneto per la Superstrada Pedemontana veneta con cui si colma un buco creato dai privati, o il miliardo di euro speso tra defiscalizzazione e garanzie pubbliche del fallimentare progetto della Pedemontana lombarda, o i miliardi bruciati nel Mose. Sono invece un’opportunità e un investimento futuro per permettere di rispondere al meglio alle esigenze dei cittadini. Movimento 5 Stelle Lombardia e Veneto

09 ottobre 2017

Samuel Sciarra "scuola on line di chitarra, lezioni gratuite" < Le 10 ritmiche essenziali per chitarra >





Benvenuto

Ciao, sono Samuel Sciarra - benvenuto sul mio sito. Qui troverai lezioni di chitarra gratuite, tutorial, corsi suddivisi per livelli ed argomenti e risposte alle domande più comuni durante l'apprendimento della chitarra. Il mio metodo prevede di insegnare la tecnica e la teoria attraverso le canzoni, facendoti suonare da subito. Ho sviluppato questo metodo in oltre 15 anni di insegnamento.

L'iscrizione al sito è completamente gratuita per quelli che non si possono permettere delle lezioni private o abbonamenti. Per coloro che possono chiedo gentilmente di supportarmi attraverso l'acquisto di prodotti o atrraverso delle donazioni per permettere al sito di rimanere attivo.



Le 10 ritmiche essenziali per chitarra



In questo corso imparerai le ritmiche strumming più importanti ed usate, quelle che ogni chitarrista deve sapere per essere autonomo sullo stumento.



La chitarra fingerstyle essenziale


In questo corso imparerai le principali tecniche della chitarra fingerstyle. Dalle basi alla completa indipendenza. Grazie a questo corso potyrai costruire facilmente il tuo repertorio.



Il chitarrista consapevole


Questo corso è dedicato al chitarrista moderno che già suona ma che vuole specializzarsi, approfondendo la teoria e la parte armonica fondamentale per ogni ogni bravo musicista. Inoltre anche la tecnica ha ruolo di grande rilievo.



Ukulele per chitarristi


Se già suoni la chitarra imparare l'ukulele grazie a questo corso ti risulterà facile e divertente, fai di questo strumento un compagno inseparabile da portare sempre con te.




Io suono la chitarra moderna ebook + mp3 (bambini-ragazzi)



“ Questo libro è frutto dell’esperienza didattica di oltre dieci anni. Nasce dall’esigenza di colmare un vuoto nella metodologia per bambini e ragazzi: quello relativo alla chitarra moderna. I metodi per chitarra moderna in commercio infatti sono esclusivamente rivolti ad allievi adulti, quelli dedicati ai bambini o ai ragazzi si occupano perlopiù di chitarra classica. Io suono la chitarra moderna è il primo metodo che introduce i bambini ed i ragazzi alla chitarra moderna. La metodologia utilizzata risulta essere di facile apprendimento pur fornendo allo stesso tempo le basi di tecnica e teoria indispensabili a chi approccia lo studio dello strumento.”

Visita il mio sito: samuelsciarra.it


Lezioni gratuite


Samuel Sciarra




Facebook Seguimi